Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Lo sprint tricolore degli autonoleggi

Un giro d’affari da circa 1,2 miliardi di euro l’anno, la cui crescita è trainata da aziende di medie dimensioni



The Van, 02 Gen 2019 - 12:10

Italia paese di santi, poeti e… noleggiatori. Premesso che l’andamento del noleggio a breve termine è fortemente influenzato dalle oscillazioni dell’economia, che a loro volta incidono sui viaggi per lavoro e per turismo, resta il fatto che questo settore negli ultimi anni è cresciuto in modo significativo nel nostro Paese, anche in controtendenza rispetto al mercato auto complessivo. La media è del 15% annuo. A registrare numeri positivi è in particolare il noleggio di veicoli da lavoro, come i furgoni, con un +28% nella prima metà del 2018.

La novità è che a trainare questa tendenza positiva non sono i grandi operatori – Avis, Maggiore, Hertz… – ma le aziende di medie dimensioni, che registrano tassi di crescita anche del 40%. E molte di queste aziende, che si stanno facendo largo grazie a tariffe competitive e servizi aggiuntivi di qualità, sono italiane.

auto1

Eccellenze da nord a sud

Una di queste è Locauto spa, un’azienda con oltre trent’anni di esperienza nell’automotive (nacque nel 1979 come società di leasing), l’unica realtà italiana a occuparsi di noleggio sia a breve che a lungo termine. Con 30 stazioni di noleggio, si rivolge principalmente al privato viaggiatore business che ha esigenze di mobilità, per esempio dall’aeroporto. Tra i plus, le catene da neve comprese nel noleggio e la collaborazione con la multinazionale americana Enterprise Rent a car.

Sicily by Car, sede operativa vicino a Palermo, conta invece circa 500 dipendenti ed è una realtà che opera nei principali porti, aeroporti e stazioni ferroviarie italiane con 60 uffici e una flotta di 20mila auto. I punti di forza della sua politica aziendale sono le tariffe low cost e il chilometraggio illimitato.

Di strada ne ha fatta, è proprio il caso di dirlo, il fondatore Tommaso Dragotto, che iniziò la sua attività nel 1963 con una Fiat 1300, una 1100 e due 500 e oggi propone eventi green come il giro di Sicilia in sette giorni a bordo di auto interamente elettriche, e pacchetti di ecoturismo su bici elettriche. Non dimentichiamo che Dragotto è il manager che ha inventato il low cost dell'autonoleggio in Italia, e il successo è stato immediato, tanto che la sua Sicily by Car oggi aderisce al programma ELITE di Borsa Italiana destinato alle imprese che vogliono crescere.

Tornando al nord, a Verona, troviamo Noleggiare, azienda nata nel 2006 che offre soluzioni semplici e flessibili: oggi vanta 21 sedi operative nelle principali città e aeroporti italiani, da Torino a Catania, e continua a espandersi. Una società a capitale 100% italiano che offre anche la possibilità di noleggiare una Vespa 125 a 7 euro al giorno in almeno sei città.

auto2

Il ruolo di case automobilistiche e concessionari

Insomma, il settore sembra in salute: ogni anno in Italia vengono immatricolati circa 160mila veicoli destinati al noleggio a breve termine, una crescita spinta anche da costruttori di auto e concessionari. Una parte delle immatricolazioni, specialmente quelle del primo trimestre dell’anno, trae infatti origine da accordi commerciali tra aziende di noleggio e case automobilistiche, e fra queste ultime e i concessionari sulla base di sconti aggiuntivi per azzerare i costi di giacenza del parco invenduto. I numeri dicono che Locauto ha incrementato le targhe del 51,3% solo nell’ultimo anno, mentre Rent a car Italy (che opera attraverso i marchi Sicily by Car e Auto Europa) ha fatto segnare un +40,3% di immatricolazioni. E chi ha bisogno di trovare un’auto in piena notte? Niente paura, nei principali aeroporti si può.

auto3


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.