Hotel Italia

Il comparto turistico alberghiero nel nostro Paese è in salute, e a beneficiarne sono anche le sistemazioni di lusso



The Van, 13 Nov 2018 - 15:30

Pensiamoci un attimo: quando ricordiamo le esperienze più significative delle nostre vite, spesso c’è di mezzo un hotel. Che sia per una fuga di pochi giorni, per una lunga vacanza ristoratrice o per una trasferta di lavoro, soggiornare negli alberghi in Italia piace parecchio e la crescita del settore lo dimostra: secondo Trademark Italia, società leader nella consulenza del settore turistico in Italia, nel 2017 il giro d’affari dell’intero comparto turistico alberghiero è stato di 110 miliardi di euro (a cui si devono aggiungere 64 miliardi di indotto), un contributo del 6,9% alla formazione del PIL. E le previsioni di crescita continuano a essere ottimistiche.

 

alberghi1

Italian way of life

Nel panorama italiano dell’hotellerie ci sono diverse presenze di imprenditori o gruppi stranieri, ma sono numerose le strutture che restano saldamente in mano a gruppi imprenditoriali italiani. Uno dei capisaldi del settore è il Gruppo Sina, la Società Internazionale Nuovi Alberghi, fondata nel 1958 dal conte Ernesto Bocca: una storia di famiglia basata sull’accoglienza personalizzata e sull’albergo concepito come una seconda dimora. Il Gruppo, che nel 2017 ha fatturato 50 milioni di euro, è presieduto da Bernabò Bocca, alla guida anche dell’associazione di categoria Federalberghi, possiede hotel in strutture storiche nelle principali città italiane (da Venezia a Firenze, da Torino a Cortina) e ha celebrato i 60 anni di attività acquisendo un boutique-hotel con vista sui faraglioni nel cuore di Capri: il Sinaflora.

Chi punta sull’italian way of life è il Boscolo Group. Fondato nel 1978 a Venezia, il Gruppo, che ha ceduto nell’aprile 2017 la proprietà di Boscolo Hotels al fondo americano di investimento Värde Partners per un valore di 150 milioni di euro, è ambasciatore dello stile Italiano nel mondo con strutture a Praga, Budapest, Nizza, oltre che a Milano, Roma, Venezia e Bari.

 

La famiglia va in vacanza

Dal 1993 il gruppo bresciano Blu Hotels è uno dei punti di riferimento di ogni padre di famiglia che decida di organizzare una vacanza. Nato proprio offrendo ospitalità in località di vacanza ai gruppi familiari, negli anni è riuscito a crescere in modo esponenziale e a offrire esperienze di soggiorno a tutti i tipi di clientela. Sono 30 le strutture sul territorio nazionale del Gruppo – da Mazara del Vallo alla Val Senales, dal lago di Garda al Trasimeno – che, grazie a 1,2 milioni di presenze, hanno consentito un fatturato di oltre 60 milioni di euro nell’arco del 2017.

 

Toccata e fuga, ma in albergo

Ma non sono soltanto i grandi viaggi a fare la fortuna del settore. I leader del mercato dei soggiorni brevi, siano esse fughe romantiche o weekend in città d’arte, sono i gruppi italiani Starhotel e Una Hotels.

Fondato nel 1980 a Firenze da Ferruccio Fabbri e attualmente diretto dalla figlia Elisabetta, il gruppo Starhotels – 197 milioni di euro fatturati nel 2017 – con lo slogan “Italia nel cuore” tiene alta la bandiera dell’ospitalità italiana declinata non solo per soggiorni di piacere ma anche per meeting e viaggi di lavoro, con una ventina di strutture nelle principali città italiane e hotel a New York, Parigi e Londra.

Gli alberghi del Gruppo Una Hotels & Resort, recentemente acquistato dal Gruppo assicurativo Unipol che già controlla Atahotels, si contraddistinguono per un sapiente mix di innovazione tecnologica e vicinanza al territorio in cui sorgono. Il Gruppo, nato nel 2000, ha una presenza capillare lungo lo stivale con oltre 30 hotel da Milano a Siracusa.

 

alberghi2

Le sistemazioni di lusso non conoscono crisi  

In questa panoramica non possiamo dimenticarci del mercato del lusso, che vive un trend crescente. Lo conferma il rapporto Datatour, trend e statistiche dell’economia del turismo dell’ottobre 2018 di Federalberghi, realizzato in collaborazione con Ebnt (Ente Nazionale Bilaterale Turismo) e Incipit Consulting, che evidenzia come nel corso del 2017 le presenze negli alberghi a 5 stelle abbiano registrato un aumento di oltre il 9%.

Punto di riferimento del comparto dell’ospitalità di lusso, con lo slogan “Luxury with an italian touch”, è il Baglioni Hotels. Nato nel 1973 con il primo esclusivo hotel a Punta Ala, nella Maremma Toscana, il Gruppo, che ha registrato 55 milioni di fatturato nel 2017, è presente nelle principali città italiane, in Francia, a Londra e nelle Maldive con un resort da mille e una notte nel paradisiaco oceano indiano.

 

alberghi3


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.