L’Italia spicca il volo

Numeri da record per il nostro sistema aeroportuale, con una crescita del flusso di passeggeri ben distribuita. E Aeroporti di Puglia entra nell’elenco ELITE



The Van, 17 Lug 2019 - 11:15

Gli aeroporti italiani prendono quota. Il 2018 si è chiuso con la cifra record di oltre 185 milioni di passeggeri (dati Assoaeroporti), portando al culmine un trend di ascesa iniziato quattro anni fa. Un successo, quello del sistema aeroportuale italiano, che, secondo il rapporto 2018 dell’International Center for Competitiveness Studies in the Aviation Industry, contribuisce al Pil nazionale per il 3,6%. Aumentano i collegamenti e il tasso di riempimento degli aerei. Quanto alle compagnie, Alitalia detiene il 42% del mercato dei voli interni, seguita da Ryanair con il 30%, mentre per i voli verso gli altri paesi europei è in testa il vettore irlandese con il 27,7%, con Alitalia attestata sul 22%. In termini percentuali, l’incremento del flusso passeggeri è del 5,9% in più rispetto al 2017, con un +3,1% di movimenti aerei secondo il report annuale di Assoaeroporti. La fetta più grande è costituita dal traffico internazionale, che ha superato i 121 milioni di passeggeri, con un +7,2% frutto della media fra il +13,2% del traffico extra Ue e il +5,6% dei movimenti interni all’Unione.

aeroporti1

 

Fiumicino miglior aeroporto d’Europa

La geografia del successo è trasversale, includendo Nord, Centro e Sud: nella “top ten” di Assoaeroporti figurano infatti Fiumicino (quasi 43 milioni di passeggeri), Malpensa (24,7 milioni), Bergamo (quasi 13 milioni), Venezia (11,2 milioni), Catania (quasi 10 milioni), Napoli (quasi 10 milioni), Linate (9,2 milioni), Bologna (8,5 milioni), Palermo (6,6 milioni) e Ciampino (5,8 milioni). Le cifre fanno ben sperare anche per alcuni scali fuori dalla “top ten”: nel 2018, c’è stata una crescita a doppia cifra per Genova (16,5%), Bolzano (14,3%) e Verona (11,6%), oltre che per Napoli (15,8%) e Palermo (14,8%). Tra l’altro, il 2019 riconferma il “Leonardo da Vinci” di Fiumicino (Roma) come Miglior aeroporto d’Europa, svettando nella classifica ACI dei 20 scali europei con oltre 25 milioni di passeggeri per qualità dei servizi, innovazione tecnologica ed efficienza delle infrastrutture. Nel quadro nazionale, hanno ottenuto un buon trend di crescita anche la rete aeroportuale pugliese, con 7,5 milioni di passeggeri, e quella calabrese con 3,2.

aeroporti2

 

Puglia d’ELITE

Proprio lo scorso giugno, Aeroporti di Puglia (Adp) ha fatto il primo passo di avvicinamento alla Borsa entrando a far parte del programma ELITE dedicato alle aziende che hanno grandi ambizioni di crescita: il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, la presidente di Puglia Sviluppo Grazia D’Alonzo e il Ceo di ELITE Luca Peyrano hanno infatti sottoscritto un accordo di collaborazione economica tra Puglia e Lombardia proprio in Piazza Affari, sede di Borsa italiana. Adp, con gli scali di Bari, Brindisi, Foggia e Taranto, è la prima azienda totalmente pubblica (di proprietà della Regione Puglia quasi al 100%) a entrare nel circuito ELITE. Un passo, questo, atteso da diversi mesi: il piano dei trasporti presentato, infatti, è molto ambizioso e prevede di arrivare a 11 milioni di viaggiatori nel 2018. Le direttrici dello sviluppo previste per gli aeroporti di Bari e Brindisi riguardano l’adeguamento dell’offerta degli spazi commerciali, l’incremento dei ricavi relativi all’attività retail, in linea con aeroporti della stessa dimensione, l’allineamento dell’offerta commerciale di alcuni punti vendita, l’incremento delle aree di sosta e parcheggi e il potenziamento del sistema di pre-booking. Il focus di crescita per l’aeroporto di Taranto-Grottaglie è incentrato nel breve periodo sullo sviluppo dell’industria aeronautica, mentre sul lungo periodo si punta a voli spaziali suborbitali. Infine, per l’aeroporto di Foggia, si ambisce al riconoscimento nel breve periodo come Servizio di interesse economico generale, implementandolo come punto di riferimento per i servizi di protezione civile e pronto soccorso. L’ingresso di Aeroporti di Puglia nell’elenco ELITE rappresenta un passo importante per la regione, che si innesta nel solco tracciato da altri due sistemi aeroportuali italiani che stanno traendo grandi vantaggi dalla quotazione in Borsa: Toscana Aeroporti (nel 2018 utili netti per oltre 131,9 milioni di euro, +9,2 rispetto all’anno precedente) e il Polo Aeroportuale del Nord Est (17.961.959 di passeggeri, +8,9%).

aeroporti3


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.