Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Nutriente ed economico: ecco l’uovo di Colombo

La spesa alimentare ristagna ma il cibo proteico e a basso costo si compra sempre più, grazie anche a una maggiore attenzione alla salute e all’etica



The Van, 12 Giu 2019 - 12:15

Spesso le risposte migliori sono le più semplici. Forse è questo il motivo per cui la crescente attenzione dei consumatori verso un’alimentazione sana ed equilibrata ha premiato il caro vecchio uovo. Che, nel frattempo, ha sfatato qualche mito negativo e si è messo al passo con i tempi sui temi della salute, della sostenibilità e del benessere animale. Così, a fronte di una spesa alimentare sostanzialmente piatta, le vendite di uova mostrano una crescita a doppia cifra. Infatti, secondo le elaborazioni Ismea su dati Nielsen, il 2018 si è chiuso con una spesa alimentare in modesta crescita rispetto all’anno precedente (+0,3%), ma fra i comparti dai numeri più positivi spicca proprio quello delle uova, che registra un +14% di spesa, la crescita più elevata tra tutte le referenze monitorate.

uova1

Nutrienti e… rivalutate

Le uova sono considerate l’alimento più nutriente al mondo. Hanno un alto valore proteico e nutritivo, mantenendo al contempo un basso costo. Contengono amminoacidi essenziali che l’organismo non è in grado di produrre naturalmente. Inoltre apportano quantità significative di vitamine e minerali. Di contro, contengono un’elevata quantità di colesterolo. Recenti studi hanno tuttavia affermato che un consumo moderato di uova non si associa a un aumentato rischio di malattie (o morte) cardiovascolari, fatta eccezione per i diabetici. Grazie alla tracciabilità di filiera e a una maggiore attenzione verso il benessere degli animali, poi, le uova sono state negli ultimi anni rivalutate non solo dal punto di vista nutrizionale ma anche da quello salutistico ed etico.

uova2

Business miliardario

In Italia si producono 850mila tonnellate di uova, deposte da oltre 42 milioni di galline in 3.400 allevamenti per un valore di 1,2 miliardi di euro. Quasi la metà delle uova italiane proviene dal Nord, soprattutto da Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna. Fra le aziende avicole italiane più interessanti, figurano il Gruppo Eurovo e – differente per dimensioni e natura – il Podere Le Macchie di Paolo Parisi. Il gruppo Eurovo è uno dei principali leader europei nella produzione e distribuzione di uova e ovoprodotto. Nata a metà Novecento dall’idea di un imprenditore veneto, Rainieri Lionello, l’azienda è cresciuta negli anni fino a diventare leader in Europa, forte soprattutto di due aspetti oggi sempre più importanti: la trasparenza del processo produttivo e i controlli di tecnici specializzati. Le Naturelle Rustiche Biologiche di Eurovo sono state di recente elette Prodotto Food 2019, con una menzione speciale per la sostenibilità. I parametri per la valutazione sono stati l’innovazione, il packaging, il rapporto qualità/prezzo, le attività di trade marketing, di category e l’eco-sostenibilità. Le Naturelle Rustiche Biologiche sono deposte da galline 100% italiane, alimentate con mangimi rigorosamente no Ogm, biologici, vegetali, senza olio di palma, farine e grassi di origine animale e prive di coloranti sintetici. Il tutto all’interno di una filiera controllata e certificata in cui non vengono somministrati antibiotici per tutta la durata del ciclo di vita dei capi allevati. Il packaging – di polpa di legno con astuccio in cartoncino, entrambi riciclabili – è sostenibile e 100% eco-friendly.

uova3

Capolavori del gusto

Si registra una costante flessione del mercato di uova da allevamento in batteria e un corrispondente aumento delle vendite di uova da allevamenti alternativi. Questa tendenza viene confermata dal grande successo di aziende come il Podere Le Macchie di Paolo Parisi. Creata nel 1981 tra i colli toscani a Usigliano di Lari in provincia di Pisa, oggi è meta di chef e gourmet: qui vengono allevate galline dalle uova bianche, le livornesi. Ogni giorno, oltre al naturale misto di granaglie macinate, queste galline bevono il latte delle capre allevate nel bosco, assumendo così la proteina animale utile a mantenere autentico il sapore delle uova. L’azienda oggi è portata avanti dal figlio di Paolo Parisi, Filippo, che continua a sostenere quello che il padre per decenni ha proclamato: la giusta materia, quella grezza, è la sola capace di dar vita a capolavori del gusto.


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.