Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Distretti

Genova “capitale” del freddo

The Van  04 Dic 2018 - 10:00

Parte la scommessa internazionale del distretto ligure del surgelato con l’obiettivo di fare “squadra” tra le aziende del territorio.



“Genova per noi” scriveva nel lontano 1975 Paolo Conte, descrivendo lo sguardo meravigliato di un piemontese di provincia davanti alle bellezze del capoluogo ligure e alle sue tante sfaccettature. A distanza di anni, Genova continua ad affascinare e a far parlare di sé, non solo per i cantautori, i carruggi, l'attività portuale e ittica. La città stretta tra il mare e i monti si appresta a diventare la capitale italiana del freddo, grazie a un distretto che è già partito alla conquista dei mercati internazionali. Ci ha creduto e scommesso il fondo di Private Equity Mandarin Capital che ha appena creato una piattaforma dei surgelati made in Italy.

 

freezer1

 

Destinazione export per le aziende del “freddo”

L’Italian Frozen Food Holding (IFFH), questo il nome della neonata realtà, controllerà due realtà già affermate nel settore: Appetais, che opera da oltre 20 anni sul territorio ed è specializzata nei piatti pronti surgelati, e AR, una joint venture nata nel 2016 tra la stessa Appetais e la Roncandin di Meduno, produttrice di pizze, focacce, farinate e prodotti senza glutine e altri ingredienti che, per ragioni diverse (intolleranze, allergie alimentari o motivi dietetici) vengono eliminati dall’alimentazione. All’inizio, IFFH produrrà negli attuali due stabilimenti di Genova Bolzaneto e Sant’Olcese, avvalendosi di oltre 200 addetti. Le previsioni stimano un fatturato di circa 40 milioni di euro nel 2018 (28,5 milioni di Appetais e 12 milioni di AR), di cui il 20% sarà rappresentato dall’export. Per concorrere con i giganti mondiali IFFH crescerà acquisendo aziende di dimensioni medie con prodotti complementari. L’obiettivo è far entrare in squadra altre due o tre aziende per raggiungere i 100 milioni di fatturato e il 50% di export. Nell’intenzione dei fondatori il progetto è anche un contributo alla ripresa di Genova, duramente colpita dal crollo del ponte Morandi, che diventerà così un punto di riferimento dell’eccellenza gastronomica italiana nel settore dei surgelati.

freezer2

 

Insegne storiche e nuove aggregazioni

Un traguardo che non sembra difficile da raggiungere, considerando la presenza di numerose realtà del freddo in terra genovese, molte delle quali di lunga data. Tra queste, Antonio Verrini & Figli attiva da 50 anni nel mercato della distribuzione di prodotti ittici freschi, conservati e surgelati. Con sede a Genova, 5 filiali tra Liguria e Toscana, uno stabilimento dedicato alla lavorazione per lo stoccafisso e il baccalà, l’azienda dà lavoro a oltre 100 addetti diretti e possiede una flotta di 50 mezzi refrigerati. Nel 2017, Antonio Verrini & Figli ha prodotto un fatturato di circa 47 milioni di euro e, per espandere la propria presenza nel dettaglio, ad agosto 2018 ha acquisito il 60% dei nove punti vendita della catena di negozi specializzati nella vendita di prodotti ittici surgelati a marchio “Giopescal” – fondata nel 1930 dalle famiglie Giolfo e Calcagno – con un fatturato 2017 di circa 4 milioni di euro. Altre realtà in vista sono Maremosso Srl con un fatturato di circa 15 milioni di euro nel 2017 e Mara Presti Surgelati srl, nata nel 1966, fra le prime realtà del settore in Liguria e in Italia, che conta oggi su una rete di distribuzione capillare su tutto il territorio nazionale.

Il settore frozen offre grandi opportunità di espansione a livello internazionale, ma anche nel mercato interno. Secondo il Rapporto annuale sui Consumi dei prodotti surgelati in Italia, realizzato da IIAS – l’Istituto Italiano Alimenti Surgelati, il 2017 è stato un anno positivo per i surgelati – più di 841.500 tonnellate di prodotti acquistati da 25 milioni di famiglie in Italia – con un incremento del 2% rispetto all’anno precedente. Pesce, pizze e vegetali, i prodotti più amati dagli italiani. Un trend che cresce ogni anno. Su questi presupposti la scelta di investire nel polo genovese ha tutti i numeri per rivelarsi vincente.

 

freezer3


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.