Title

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

IVASS: criteri ESG nei Board delle compagnie assicuratrici

Forum per la Finanza Sostenibile  14 Set 2018 - 14:57

Il nuovo regolamento prescrive agli organi di governance la considerazione dei rischi ambientali e sociali



Il 3 luglio l'IVASS (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni) ha emanato un nuovo regolamento in materia di governance per le compagnie assicuratrici, con l’obiettivo di fornire indicazioni per la determinazione di un assetto di governance proporzionato alla complessità e al profilo di rischio aziendale. La norma completa l’adeguamento alla Direttiva europea Solvency II, coerentemente alle Linee Guida emanate nel 2016 dall’EIOPA (European Insurance and Occupational Pensions Authority).

Tra le novità introdotte, il Regolamento prescrive al sistema di governo societario l’identificazione, la valutazione e la gestione dei rischi di natura ambientale e sociale:* l’obiettivo è quello di promuovere a livello decisionale un'adeguata consapevolezza della rilevanza dei rischi di sostenibilità ambientale, sociale e di governance (o ESG da Environmental, Social and Governance).
L'adozione di questo regolamento rappresenta una significativa svolta in termini di policy per il mercato italiano SRI (da Sustainable and Responsible Investment): le compagnie assicuratrici, infatti, sono tra i principali attori del mercato dell’investimento sostenibile e responsabile. Inoltre, la disposizione è in linea con l’Action Plan “Financing Sustainable Growth” della Commissione Europea, che sottolinea l'importanza di incoraggiare l’integrazione dei criteri ESG e l’adozione di un approccio di lungo periodo nei processi decisionali dei Consigli di Amministrazione. La norma è quindi anticipatoria rispetto a provvedimenti analoghi che potrebbero essere approvati da altri Paesi europei.

 

*L’articolo 4, comma 2, afferma: “I presidi relativi al sistema di governo societario coprono ogni tipologia di rischio aziendale, ivi inclusi quelli di natura ambientale e sociale, generati o subiti, anche secondo una visione prospettica ed in considerazione del fabbisogno complessivo di solvibilità dell’impresa. La responsabilità è rimessa agli organi sociali, ciascuno secondo le rispettive competenze. L’articolazione delle attività aziendali nonché dei compiti e delle responsabilità degli organi sociali e delle funzioni deve essere chiaramente definita”.

 

Logo Forum per la Finanza Sostenibile


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.