Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Lanciato il primo indice sul rischio clima dei bond sovrani

L'indice classifica i governi in base all’impegno nella transizione verso un’economia sostenibile



Forum per la Finanza Sostenibile, 02 Ago 2019 - 16:52

L’indice FTSE Climate Risk-Adjusted World Government Bond Index (Climate WGBI) è calcolato da FTSE Russell, index provider del London Stock Exchange Group (LSEG, di cui fa parte anche Borsa Italiana); i dati e i rating ESG sono forniti dalla società di ricerca Beyond Ratings (recentemente acquisita da LSEG).
L’indice classifica i titoli di Stato di oltre 20 Paesi sviluppati basandosi – oltre che sulle caratteristiche finanziarie – sulla capacità dell’emittente di contrastare il cambiamento climatico. Si tratta del primo indice che applica una misura quantitativa del rischio climatico all’analisi dei titoli del debito sovrano.

Il Climate WGBI misura le performance dei titoli di Stato investment-grade (a basso rischio) a tasso fisso e in valuta locale, incorporando una stima prospettica dei rischi climatici a cui sono esposti gli emittenti: minore risulta l’esposizione al rischio climatico, maggiore è il posizionamento nell’indice.

Nel processo di composizione dell’indice ciascun Paese viene valutato in base a tre criteri:

  1. il rischio di transizione, che misura l’impatto sul Paese e sulla sua economia degli sforzi per raggiungere l’obiettivo del contenimento del riscaldamento globale al di sotto dei 2° (come stabilito dall’Accordo di Parigi); tale rischio viene calcolato sulla base di 15 variabili, inclusi il PIL pro capite, l’intensità energetica e l’intensità di carbonio.
  2. il rischio fisico è legato alle conseguenze degli effetti fisici del cambiamento climatico, come l’aumento del livello del mare o le calamità naturali, che possono arrecare danni alle attività agricole e ad altri settori dell’economia.
  3. la capacità di adattamento, che misura il grado di preparazione del Paese nel far fronte al cambiamento climatico analizzando elementi come la solidità delle istituzioni nazionali e il livello di sviluppo socio-economico.

L’indice rappresenta uno strumento utile per gli investitori, sia allo scopo di valutare e analizzare le performance dei portafogli in base a criteri ambientali, sia per orientare le future scelte finanziarie premiando gli emittenti che sviluppano soluzioni innovative nell’ambito del contrasto al cambiamento climatico.

Climate Risk-Adjusted World Government Bond Index

Logo Forum per la Finanza Sostenibile

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.