Gli italiani diversificano gli investimenti

Gli investitori italiani diventano internazionali ma sono pessimisti per il proprio futuro



FTAOnline, Milano, 01 Ago 2014 - 15:51

Gli investitori italiani diversificano sempre di più il portafoglio dei loro investimenti aprendo la porta alle azioni, ma rimangono pessimisti riguardo la possibilità di un futuro sereno per loro stessi e le prossime generazioni. A rivelarlo è uno studio realizzato da Legg Mason Global Asset Management, uno tra i principali gestori globali di investimenti.
 
I risparmiatori diversificano il loro portafoglio in vista di un futuro non roseo

Secondo i risultati dell’indagine, svolta su un campione di oltre 4mila investitori, l’86% degli investitori italiani spende parte del proprio portafoglio nei mercati esteri. Si tratta – per questo parametro - della percentuale più alta riscontrata nei diversi paesi europei: investe all'estero infatti il 71% dei britannici, il 68% dei francesi, il 64% degli spagnoli e il 61% dei tedeschi. Per quanto riguarda gli italiani, ad attirare gli investimenti verso l’estero è la speranza di ottenere una rendita migliore rispetto al mercato nazionale nel 56% dei casi, ma forte è anche la spinta a raggiungere un obiettivo almeno pari, diversificando il rischio su vari mercati (ha spiegato così i propri investimenti il 55% degli intervistati).

Guardando al tipo di investimento, gli italiani prediligono le obbligazioni con il 31% delle preferenze, anche se c’è un 26% intenzionato ad aumentare la quota di azionario nel portafoglio.

In un contesto dominato da una profonda incertezza economica, solo il 64% degli italiani si sente sicuro di poter andare in pensione all'età che crede, un dato lontano dall'80% dei tedeschi, l'84% registrato nel nel Regno Unito, e l'86% statunitense.
Un pessimismo che si ritrova anche nelle previsioni su ciò che attende le future generazioni: l’80% degli intervistati nel Belpaese sostiene che figli e nipoti si troveranno ad affrontare una realtà più difficile rispetto a quella odierna. Solo il 66%, infine, crede di poter mettere da parte abbastanza denaro da poter vivere serenamente una volta andati in pensione.


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.