Banche e tecnologia: ecco cosa pensano gli italiani

Gli italiani si fidano di più della banca tradizionale rispetto a quella on line



FTAOnline, 26 Giu 2015 - 12:23

La banca on line è ormai una realtà consolidata ma quasi la metà degli italiani considerano più sicure le attività bancarie effettuate allo sportello.
Il problema è l’elevato senso di insicurezza legato alle operazioni fatte via web.

La maggioranza degli italiani non si fida del web

La tecnologia legata ai servizi finanziari, un argomento delicato quando si tratta di sicurezza relativa alla trasmissione dei dati personali.

Nonostante infatti l’home banking sia una realtà che si è diffusa a macchia d’olio nel nostro Paese, sembra che gli italiani mantengano un atteggiamento prudente quando si tratta di effettuare operazioni bancarie.

Secondo un sondaggio realizzato da Kaspersky Lab e B2B International, il 42% degli italiani che usano internet ripone più fiducia nelle attività bancarie tradizionali rispetto a quelle online.

Il motivo lo svela l’indagine stessa quando rivela che il 55% degli intervistati si sente vulnerabile quando effettua transazioni finanziarie utilizzando la rete.

Nel dettaglio, solo il 10% effettua transazioni on line e per farlo utilizza pc e laptop, l’8% utilizza il tablet, il 7% utilizza lo smartphone.

C’è poi un 20% he effettua pagamenti utilizzando la Smart-TV.

A livello europeo la situazione è esattamente opposta: i pagamenti tramite laptop e PC sono effettuati dal 76% del campione, seguito da un 30% che utilizza lo Smartphone.

L’utilizzo del Tablet è al 22% mentre solo il 12% effettua operazioni di pagamento tramite Smart-Tv.


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.