Che ne sarà della tredicesima?

La tredicesima servirà per pagare tasse, bollette e mutui.



FTAOnline News, Milano, 02 Dic 2010 - 17:56

Dicembre è periodo di tredicesima, e i cittadini posso darsi agli acquisti di Natale. Ma quest’anno invece non sarà così: pare che la maggior parte delle famiglie italiane si vedrà obbligata ad utilizzare la mensilità in più per far fronte alla rata del mutuo e per pagare le bollette ancora non saldate.

Secondo una ricerca della Cgia di Mestre, un italiano su quattro non metterà sotto l’albero nemmeno un regalo. Se nel 2009 questa percentuale riguardava il 19,7%, quest'anno raggiungerà il 23,8%. Il sondaggio infatti rivela che la tredicesima sarà utilizzata soprattutto per le spese fisse: il 57% verrà speso per affitto, mutuo, assicurazione auto e bollette di acqua, gas ed elettricità; il 13,7% per comprare cellulari ed altri oggetti tecnologici o cambiare gli elettrodomestici e la tv in casa; l’8,9% per i regali natalizi (includendo anche le altre spese per viaggi e tempo libero la quota destinata ai consumi arriva al 28%). Per i risparmi rimarrà meno del 15% sul totale: un calo notevole rispetto allo scorso anno.

Una situazione confermata anche da un’indagine realizzata dall’ADICO dove emerge che “il 77% della tredicesima sarà utilizzata per pagare tasse, bolli, canoni, mutui e rimborsi dei debiti accumulati lungo il corso dell’anno”.

“Resta quindi poco per festeggiare”, avverte il presidente dell’ADICO, Carlo Garofolini  “dopo un anno durissimo di rincari e aumenti speculativi che hanno falcidiato i redditi delle famiglie costrette a indebitarsi per sopravvivere, con una perdita ulteriore del potere d’acquisto. Quello che rimarrà in tasca alle famiglie, vale a dire circa un quinto del monte tredicesime “non servirà a rilanciare i consumi” spiega il presidente dell’ADICO  visto che “almeno tre famiglie su quattro taglieranno le spese per l’incerta situazione economica”.

Quali regali a Natale?

Solo carbone dunque? Nonostante la crisi, gli italiani non rinunciano ai regali natalizi e  quest’anno sotto l’albero si troveranno più bottiglie di vino e lingerie.  Cresce l’interesse per i regali legati alla nostra tradizione culinaria, il vestiario, i libri, cala quello verso l’hi-tech, i giocattoli e l’arredo casa. Insomma un natale con regali meno impegnativi  ma più in linea con la tradizione.


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.