Spesa: Rincari record per acqua, gas e rifiuti

Tra il 2002 ed il 2012 il rincaro medio per le familiare è stato di oltre 580 euro.



FTAOnline, Milano, 16 Ago 2013 - 11:03

Da dieci anni ad oggi le tariffe hanno subito dei rincari da record con effetti pesantissimi sui bilanci delle famiglie. In arrivo un ulteriore rincaro per l’adozione della Tares che costerà molto di più rispetto alla vecchia Tia/Tarsu.

La corsa delle tariffe non conosce sosta da dieci anni
Dall’entrata in vigore dell’Euro a oggi le tariffe hanno subito dei rincari record e gli effetti sui bilanci delle famiglie sono stati pesantissimi: tra il 2002 ed il 2012 l’aumento medio delle principali tariffe per ciascun nucleo famigliare è stato di oltre 580 euro.
La stima arriva dalla Cgia che ha calcolato un incremento percentuale del 41,9% per le tariffe mentre la spesa complessiva delle famiglie italiane è cresciuta “solo” del 10,1%.

Tra il 2002 e il primo semestre 2013 gli incrementi per singola voce sono stati:

• + 82% per l’acqua;
• + 63,6% per il gas;
• + 61,9% per i rifiuti;
• + 52,8% per i pedaggi autostradali;
• + 51,9% per i trasporti urbani;
• + 49,9% per i trasporti ferroviari;
• + 46% per l’energia elettrica;
• + 33,5% per i servizi postali.

Solo i servizi telefonici hanno registrato una contrazione del 10,7%, mentre l’inflazione è cresciuta del 25,9%.

In linea generale ogni famiglia italiana pagherà mediamente quasi 40 euro all’anno in più.

La spiegazione
“I rincari del gas – dichiara Giuseppe Bortolussi della Cgia – hanno sicuramente risentito del costo della materia prima, mentre l’energia elettrica dell’andamento delle quotazioni petrolifere e dell’aumento degli oneri generali di sistema, in particolare per la copertura degli schemi di incentivazione delle fonti rinnovabili. I trasporti urbani, invece, hanno subito gli aumenti del costo del carburante e quello del lavoro. Non va dimenticato che molti rincari sono stati condizionati anche, e qualche volta soprattutto, dall'aggravio fiscale. Tuttavia, nonostante i processi di liberalizzazione avvenuti in questi ultimi decenni abbiano interessato gran parte di questi settori, i risultati ottenuti sono stati poco soddisfacenti. In linea di massima oggi siamo chiamati a pagare di più, ma la qualità dei servizi non ha subito miglioramenti sensibili. A livello locale, invece, il ritocco all'insù delle tariffe spesso è servito a far cassa, compensando, solo in parte, il taglio dei trasferimenti imposti in questi ultimi anni dallo Stato centrale”.

Infine, salvo cambiamenti che il Governo potrebbe introdurre entro il prossimo 31 agosto, per l’anno in corso, desta preoccupazione l’introduzione della Tares che costerà molto di più della vecchia Tia/Tarsu.  Rispetto a quello del 2012, il gettito complessivo della nuova tassa sull'asporto rifiuti sarà superiore di quasi 2 miliardi di euro.


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.