Salari al palo in Italia

Il salario medio annuo netto per un single senza figli nel 2009 risulta essere stato pari a 22.027 dollari



FTAOnline News, Milano, 12 Mag 2010 - 17:15

I salari italiani sono fermi al palo. A dirlo un recente studio dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) dal titolo Taxing wages.

 

Secondo l'indagine il Bel Paese si colloca nel 2009 al 23esimo posto su 30 nella classifica degli stipendi dei Paesi Ocse. La posizione non riflette cambiamenti dal 2008 e i salari italiani risultano inferiori al 16,5% rispetto alla media dei trenta Paesi che fanno parte dell'organizzazione di Parigi.

 

Per il Codacons i dati confermano quanto l'associazione di consumatori sta sostenendo dal 2002, anno di introduzione  dell'euro ovvero che i prezzi ed il costo della vita da allora ad oggi sono raddoppiati, mentre stipendi, salari e pensioni sono  rimasti al palo.

"La mancata difesa dei salari reali e del potere d'acquisto delle famiglie - riporta un comunicato dell'associazione - ha ridotto sul lastrico sempre più persone, sono  aumentate le disuguaglianze ed è aumentato anche il divario con gli altri Paesi Ue in termini di reddito pro capite".

 

Le associazioni

Per la Codacons la crisi ha ormai toccato una famiglia su tre che non riesce a letteralmente a sbarcare il lunario. "Il Governo - chiede l'associazione - non può continuare a lavarsene le mani come ha fatto fino ad ora, accontentandosi di provvedimenti spot come il decreto incentivi e la social card, una miseria di 40 euro, non dati nemmeno alle 1.300.000 persone preventivate. Se il Governo non intende spendere nemmeno un euro per affrontare questa situazione, dovrebbe almeno combattere l'inflazione  con misure di liberalizzazione del mercato e mettere i consumatori nella condizione di potersi se non altro difendere da  soli, riducendo, ad esempio, lo strapotere di banche, assicurazioni, compagnie telefoniche e petrolifere.

Invece non solo non  ha fatto nulla in tal senso, ma si è mosso addirittura in direzione opposta".

 

Anche l'Adico pone l'accento su, da come si evince dall'indagine, risultino particolarmente penalizzati i single e senza figli. I salari si attestano ai

 livelli più bassi tra i paesi Ocse, superati anche dagli stipendi in Spagna e Grecia. Al contrario il nostro Paese si fregia di una pressione fiscale sulle retribuzioni ai livelli più elevati.

 

Gli stipendi

Ma veniamo ai dati.

In Italia il salario medio annuo netto per un single senza figli nel 2009 risulta essere stato pari a 22.027 dollari rispetto al lordo di 31.167 dollari. Nel 2008 il netto risultava pari a 22.117 dollari mentre il lordo a 31.314. Nel 2000 invece il salario netto era di 18.451 dollari e il lordo si aggirava a quota 25.933.

Pesa molto il Cuneo fiscale ovvero la variazione tra l'onere del costo del lavoro e il reddito effettivo percepito dal prestatore d'opera che è in Italia al 46,5% subito dopo Belgio (55,2%), Ungheria (53,4%), Germania (50,9%), Francia (49,2%), Austria (47,9%).

 


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.