In vacanza a rate

Molti italiani partiranno grazie a un finanziamento. Tre anni e mezzo per saldare il debito.



FTAOnline, Milano, 17 Giu 2013 - 18:10

Aumentano le richieste di un finanziamento per andare in vacanza, un fenomeno sempre più in crescita.
Il ricorso al credito al consumo sta diventando un’ abitudine slegata dall’acquisto di beni fisici e dilatare la spesa può essere un modo per non fare rinunce concedendosi una vacanza ogni tanto.

Chiedere un prestito per andare in vacanza non è più un tabù
Quasi un italiano su due non andrà in ferie per via delle congiuntura economica, ma molti, pur di non rinunciare ad una tanto attesa vacanza, partiranno grazie a un finanziamento.
Il comparatore Facile.it, con la collaborazione di Prestiti.it, ha analizzato oltre 40.000 richieste di prestito presentate in Italia negli scorsi sei mesi evidenziando come, rispetto al 2012,  l’importo medio richiesto sia aumentato del 13% (4.700 euro nell’analisi 2013, contro i 4.100 euro di quella relativa allo stesso semestre dello scorso anno).  Sale invece al 5% il tempo di restituzione (41 mensilità contro le 39 di un anno fa).

A quanto pare richiedere un prestito per le vacanze non è più un tabù  ( le richieste sul totale di prestiti finalizzati passano dallo 0,7% allo 0,83%) e non ci si preoccupa se per ripagare il viaggio ci si metteranno in media tre anni e mezzo. Gli importi mensili delle rate sono circa di 139 euro circa (erano 120 euro un anno fa), il che spiega perché ci vuole tanto tempo per saldare il debito.

Il profilo
La maggioranza delle richieste (65%) proviene da dipendenti privati di età media intorno ai 38 anni, mentre è la Lombardia a veicolare il maggior numero di richieste (il 20,1% dei preventivi è compilato in Lombardia, a Milano l’importo medio richiesto è 6.300 euro suddivise in 45 mensilità) anche se è la Campania la regione il cui peso relativo è maggiore.
Se i prestiti per pagare viaggi e vacanze, come detto, rappresentano lo 0,83% di quelli chiesti in Italia, in Campania la percentuale cresce del 24% e arriva fino all’1,03% dei finanziamenti chiesti nella regione.
Più morigerate le regioni del Centro, che si concedono ferie low cost: a Roma, ad esempio, l’importo medio richiesto per le vacanze è 3.450 euro, da saldare in 37 mensilità, con una rata di 120 euro.


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.