La crisi ridimensiona la pausa pranzo

Un italiano su tre abbandona il pranzo completo.



07 Mar 2013 - 09:17

Da un sondaggio condotto dalla Coldiretti emerge come la crisi abbia cambiato profondamente le abitudini alimentari degli italiani che sempre di più abbandonano il pasto completo per prediligere la pasta che sazia di più e costa di meno.

Crisi: un italiano su tre mangia solo pasta
Con la crisi si dice addio al pranzo completo che nel caso di un italiano su tre si riduce esclusivamente ad un piatto di pasta. E’ quanto emerge da un sondaggio condotto dalla Coldiretti il quale evidenzia che solo il 18% degli italiani dichiara quotidianamente di consumare un primo, un secondo, un contorno e un dolce o un frutto. C’è poi un 9% di italiani che mangia solo un frutto o uno yogurt o un gelato mentre un 4% non mangia nulla.
L’abbandono del pranzo completo è confermata - continua la Coldiretti - dal 24% di italiani che si limitano a consumare un secondo accompagnato dal contorno e dal 9% che preferisce un panino, un pezzo di pizza o un tramezzino.

La crisi ha cambiato quindi profondamente le abitudini alimentari degli italiani che tendono a frammentare durante il giorno la propria alimentazione con ben 7,7 milioni di italiani che si portano al lavoro il cibo preparato in casa e di questi sono oltre 3,7 milioni che dichiarano di farlo regolarmente secondo i dati di un’indagine congiunta Coldiretti/ Censis.

In Italia sono stati consumati oltre 1,5 milioni di tonnellate di pasta, per un controvalore di 2,8 miliardi di euro ed in controtendenza rispetto al calo generalizzato degli alimentari nel 2012 gli acquisti di pasta delle famiglie sono aumentati in quantità dell’1,1%, secondo Ismea-Gfk-Eurisko. L’Italia ha così il primato mondiale nel consumo di pasta che ha raggiunto, sottolinea la Coldiretti, attorno ai 26 chili a persona, tre volte superiore a quello di uno statunitense, di un greco o di un francese, cinque volte superiore a quello di un tedesco o di uno spagnolo e sedici volte superiore a quello di un giapponese.


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.