Quali incentivi alle famiglie 2013

Mutui, figli e spese. Cosa cambia nel 2013 per gli incentivi alle famiglie.



18 Feb 2013 - 10:54

Come riporta Aduc, Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori, in una scheda pratica, per quest’anno saranno usufruibili per le famiglie le stesse incentivazioni statali previste nel 2012.
In un momento di congiuntura economica difficile, gli aiuti alle famiglie per i figli, il mutuo, e le spese, restano un’ancora di salvezza a cui aggrapparsi.

Quali incentivi
In larga parte, secondo quanto sostiene Aduc, saranno usufruibili le stesse incentivazioni statali previste lo scorso anno. Vediamo quali sono.

All’attuale carta acquisti riservata alle famiglie indigenti, si affiancherà, entro l’estate, per un anno, la nuova “carta acquisti sperimentale”, presente in 12 Comuni Italiani. La carta consente l’acquisto di merci e servizi in strutture convenzionate, e sarà finanziata dallo Stato con importi mensili più alti di quella “ordinaria” (da 231 a 404 euro mensili a seconda del numero dei componenti familiari).

Per quanto riguarda il settore mutui è stato prorogato fino al 31 marzo il Piano Famiglie dell’Abi per la sospensione per 12 mesi del pagamento delle rate nei casi in cui vi sia difficoltà a farvi fronte. Il piano include, nei requisiti per chiedere la sospensione del mutuo, eventi accaduti entro il 28 febbraio 2013, per mutui casa che non sono stati precedentemente sospesi.

Sempre usufruibile, nel settore del credito, il fondo acquisto prima casa per le giovani coppie under 35 ma con delle modifiche importanti così da rendere l’accesso al fondo meno selettivo. Gli interventi all’accesso al fondo riguardano in prima battuta il differenziale massimo sui mutui alla garanzia del Fondo. Questa modifica impone alle banche di sottoscrivere mutui con un tasso massimo non superiore al tasso effettivo globale medio. Nessun cambiamento, invece, per il tetto massimo del finanziamento che rimane di 200mila euro. Gli altri cambiamenti che riguardano da vicino le banche sono l’abolizione di ulteriori garanzie non assicurative chieste dai soggetti finanziatori ai giovani mutuatari. Nel caso in cui le richieste arrivassero contemporaneamente ad avere la priorità per l’accesso al fondo saranno i giovani lavoratori precari e le coppie con figli minori. Per quanto riguarda invece i requisiti dei richiedenti, viene ampliata la platea degli aventi diritto al fondo tramite l’abolizione del vincolo al possesso almeno per il 50% di un reddito da lavoratore dipendente e a tempo indeterminato. E’ stato alzato anche  il requisito del reddito complessivo ai fini Isee, ovvero l’Indicatore della situazione economica equivalente: dai precedenti 35.000 euro si passerà a 40.000 euro. Infine ad aumentare sarà anche la metratura dell’abitazione scelta dai giovani mutuatari: la superficie utile passa da 90 a 95 mq.

Prorogato fino al 2014, invece, il fondo credito “nuovi nati”, una misura nata nel 2009 e che la Legge di Stabilità 2012 ha prorogato fino al 2014. Questa forma di sostegno vale per tutti coloro che si trovano a poter godere della stessa, senza preclusioni di reddito e di altre motivazioni. Uno strumento che consente sia ai genitori naturali, che a quelli adottivi, di richiedere un prestito a tasso agevolato, fino a 5000 euro, alle banche che aderiscono all’iniziativa del Governo. La domanda di prestito  può essere presentata alle banche entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello di nascita o di adozione del figlio per cui si richiede il prestito, quindi, in questo caso, fino a giugno 2015.

Invariati anche i bonus per le famiglie in difficoltà concessi sulle bollette -elettrica, del gas e dell’acqua.

Mancata proroga, invece, dei "buoni vacanze", che dal 2010 potevano richiedere le famiglie a basso reddito per soggiorni in strutture turistiche convenzionate.


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.