Finanziamenti: i regali di Natale si pagano a rate

Il 34% degli Italiani ricorrerà ad un prestito per le spese natalizie.



Ftaonline News, Milano, 30 Nov 2011 - 11:53

Secondo i calcoli delle due associazioni dei consumatori, Adusbef e Federconsumatori, “Quasi l’80% delle tredicesime di ques’anno verrà ‘mangiato’ da tasse, mutui, bolli, canoni, rimborso di debiti pregressi” e quindi solo il 20% ovvero un quinto sarà “destinato a risparmi, regali, viaggi, consumi alimentari”.

Nonostante ciò gli italiani non hanno intenzione di rinunciare ai regali e pur di affrontare tutte le spese legate al Natale sono disposti a richiedere un prestito.

Secondo un’indagine di Prestiti.it broker online di confronto prestiti, su un campione di oltre mille rispondenti, un italiano su tre è disposto a richiedere un finanziamento per affrontare tutte le spese legate al Natale.

Nel dettaglio

Un italiano su tre è disposto a richiedere un finanziamento per poter fare regali o fare un viaggio in corrispondenza delle feste. In particolare, tra chi ha intenzione di richiedere un finanziamento, il 61% lo farà per comprare i regali di Natale ad amici e parenti (pari al 21% del campione totale), il 30% per potersi permettere la settimana bianca o il viaggio di Natale e il 9% per il cenone di Capodanno.

A quanto ammonta il prestito? Il 54% degli intervistati dichiara di aver bisogno di una cifra superiore ai 2.000 euro; in questo, sono gli uomini ad alzare la media, perché tra le sole donne la percentuale delle “spendaccione” si ferma al 43%. Solo il 6% del campione esaminato punterebbe ad un finanziamento che non superi i 500 euro. Le richieste più alte le ritroviamo agli estremi anagrafici del campione: i più giovani (gli under 25) e i più anziani (over 60) sono i gruppi che hanno intenzione di richiedere più di 2.000 euro. Per quanto riguarda i tempi di restituzione, questi non sono brevi: il 42% del campione finirà di rimborsare il prestito dopo Natale 2013.

Ricorso al prestito

In cima alla classifica dei regali per cui gli italiani richiedono un finanziamento ci sono la tecnologia e gli elettrodomestici: la percentuale per entrambe le categorie arriva al 18%. Seguono i prestiti richiesti per acquistare arredamento (13%) e, a sorpresa, per comprare giocattoli (13%).
I più propensi a ricorrere al credito sono i residenti nel Sud Italia: la Campania guida saldamente la classifica, con una percentuale di richieste che arriva al 50%.


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.