Le famiglie risparmiano di più

I dati pubblicati dall’Istat parlano chiaro: il potere d’acquisto delle famiglie è diminuito a causa della crisi economica.



20 Gen 2010 - 09:35

Le famiglie italiane hanno deciso di risparmiare di più a causa della crisi economica ed è sceso il loro potere d’acquisto. La conferma arriva dai dati pubblicati dall’Istat che ha rivelato come dall’ottobre 2008 al settembre 2009 - le famiglie italiane hanno ridotto spese e investimenti, ma è aumentata la loro propensione al risparmio.

I dettagli
Sempre nello stesso periodo preso in esame ovvero i quattro trimestri che terminano con il terzo trimestre 2009 (ovvero ottobre 2008-settembre 2009) il reddito disponibile in termini reali è diminuito del dell’1,6% rispetto ai dodici mesi precedenti.
L’indicazione che ne emerge è che la crisi ha spinto le famiglie italiane a contrarre consumi e investimenti più di quanto consentiva loro il reddito disponibile: i consumi infatti sono scesi al -1,5% e gli  investimenti al -0,8%, mentre le famiglie hanno adottato un comportamento parsimonioso (+0,4%). Secondo i sindacati e le associazioni dei consumatori, i dati medi dell’Istat dichiarano che i percettori di reddito che soffrono di più la crisi sono i lavoratori dipendenti e i pensionati.

Le imprese
Anche le imprese soffrono. Non solo le famiglie sono in difficoltà, ma anche le imprese sono in una situazione di disagio economico registrando un calo nei loro profitti.
Nel periodo tra ottobre 2008 e settembre 2009, secondo i dati Istat, la quota di profitto delle società non finanziarie (dato dal rapporto tra il risultato lordo di gestione e il valore aggiunto lordo ai prezzi base) si è attestata al 40,9%, calando di 2 punti percentuali rispetto al periodo tra ottobre 2007 e settembre 2008. Il tasso di investimento delle stesse società è risultato del 22,3% nel terzo trimestre 2009, oltre 3 punti in meno rispetto al terzo trimestre 2008.


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.