Con gli ecoincentivi pedalare costa meno

In arrivo un pacchetto di interventi statali a sostegno del mercato delle due ruote: 8.750.000 euro il fondo messo a disposizione dal Ministero.



FTAOnline, Milano, 29 Apr 2009 - 11:31

Sono in arrivo gli ecoincentivi statali per il mercato delle due ruote: comprare una bicicletta, un ciclomotore o un veicolo elettrico costerà meno.

Il ministero dell’Ambiente in accordo con l’Ancma, l’Associazione nazionale ciclo e motociclo aderente a Confindustria, ha erogato degli incentivi per coloro che desiderano acquistare un veicolo a due ruote.

Gli incentivi

Il fondo messo a disposizione per le due ruote è di 8.750.000 euro da erogare nel corso del 2009 ai cittadini che decideranno di acquistare

  • una nuova bicicletta (comprese le bici elettriche a pedalata assistita), senza obbligo di rottamazione. L’incentivo, che in precedenza era vincolato solo all’acquisto di biciclette a pedalata assistita, è pari al 30% della spesa sostenuta, fino ad un massimo di 700 euro;
  • un ciclomotore Euro 2 a quattro tempi o un ciclomotore Euro 2 a ridotto consumo. Con contestuale rottamazione, l’incentivo è pari al 20% del costo del veicolo fino ad un massimo di 350 euro;
  • un ciclomotore Euro 2 a due tempi. Con contestuale rottamazione,  l’incentivo è pari all’ 8% del costo del veicolo fino ad un massimo di 180 euro;
  • un motociclo elettrico o di un quadriciclo elettrico. Con contestuale rottamazione, l’incentivo è pari al 30% del costo del veicolo fino ad un massimo di 1.300 euro;
  • un motociclo Euro 3 ibrido. Con contestuale rottamazione, l’incentivo è pari al 30% del costo del veicolo fino ad un massimo di 950 euro;
  • un ciclomotore elettrico. L’incentivo è pari al 30% del costo del veicolo fino ad un massimo di 850 euro con contestuale rottamazione;
  • un ciclomotore ibrido. Con contestuale rottamazione, l’incentivo è pari al 30% del costo del veicolo fino ad un massimo di 600 euro.

Guidalberto Guidi, presidente di Ancma, commenta così il pacchetto degli interventi statali messi a disposizione dei cittadini  “Il segmento dei ciclomotori era in forte sofferenza in quanto rimasto tagliato fuori dagli incentivi statali e la disponibilità di questo accordo con il Ministero dell’Ambiente ci consente di equilibrare l’offerta sul mercato e accelerare il rinnovo del parco circolante obsoleto”

Per accedere agli incentivi

Per coloro che desiderano acquistare un ciclomotore e usufruire degli incentivi statali è sufficiente presentarsi presso un rivenditore autorizzato dopo aver scelto il tipo di veicolo a due ruote da acquistare (si può scegliere all’interno del listino predisposto dal ministero che prevede sia i prezzi che le entità del contributo). Ogni persona potrà acquistare un massimo di tre biciclette presentando il codice fiscale o la partita iva.

 


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.