Risparmio: prorogate le detrazioni al 36%

La nuova finanziaria 2010 proroga le detrazioni al 36% ma non quelle al 55%



FTAOnline News, 30 Set 2009 - 15:20

Le detrazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie sono state prorogate fino al 2012, è quanto previsto dal disegno di Legge Finanziaria per il 2010, approvato nel corso del Consiglio dei Ministri il 22 settembre scorso.

La ristrutturazione

Chi decide di ristrutturare casa può continuare ad usufruire le agevolazioni Irpef, stabilite nelle precedenti manovre finanziarie: detrazione fiscale del 36% fino al limite massimo di spesa di 48.000 euro per ogni immobile sul quale vengono eseguiti gli interventi, da suddividere in dieci anni, che scendono a 3 anni per gli over 75.

Si ricorda inoltre che è possibile beneficiare dell’Iva al 10% sui lavori di recupero del patrimonio edilizio, mentre per i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria, l’Iva è del 20%.

Per fruire della detrazione del 36% i contribuenti sono tenuti ad inviare con raccomandata, prima dell’inizio dei lavori, una comunicazione di inizio lavori (redatta su apposito modello reperibile presso gli uffici locali dell’Agenzia delle Entrate o nel sito internet www.agenziaentrate.gov.it.

Il bonus edilizio

Intanto, secondo i dati comunicati dall’Agenzia delle Entrate, cresce negli ultimi mesi il numero dei contribuenti italiani che hanno avviato ristrutturazioni edilizie chiedendo lo sconto Irpef del 36%: dal 1° gennaio al 30 aprile 2009 sono stati 115 mila, 10 mila in più rispetto al 2008.

E le detrazioni al 55%...?

Se il disegno di legge prevede una proroga al 2012  per l'agevolazione fiscale per gli interventi di ristrutturazione del patrimonio edilizio al 36%, non vi è traccia alcuna della proroga per la detrazione Irpef del 55% sulle spese per interventi di riqualificazione energetica nell'edilizia (installazioni di pannelli solari o miglioramenti le prestazioni energetiche della propria abitazione). In assenza di ulteriori proroghe, pertanto, la detrazione Irpef  scadrà il 31 dicembre 2010.

 


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.