La crisi finanziaria risparmia il mattone

Uno studio condotto sulle previsioni degli italiani rivela che tra gli investimenti sicuri anche in periodo di crisi c’è al primo posto il mattone.



FTAOnline News, Milano, 11 Nov 2008 - 08:52

Crisi e pessimismo, due parole che in questo periodo sembrano andare molto d’accordo. E’quello che emerge da un’indagine sugli italiani e il risparmio, realizzata in collaborazione con Ipsos e presentata in occasione della 84ª Giornata Mondiale del Risparmio, da Acri, l’Associazione delle Casse di risparmio Spa e delle Fondazioni di origine bancaria, dalla quale emerge che la percezione del futuro dell’economia rimane improntata su un forte pessimismo.

La ricerca

L’indagine è stata realizzata, nella prima settimana di ottobre, tramite interviste telefoniche ed è stata arricchita di alcuni dei risultati delle indagini congiunturali prodotte dall’Isae e da altre indagini condotte da Ipsos nel 2008. Sono state svolte 1.000 interviste, presso un campione rappresentativo della popolazione italiana adulta, stratificato in base ai seguenti criteri: area geografica e ampiezza del centro, sesso ed età. In corso di elaborazione i risultati sono stati ponderati al fine di riprodurre esattamente l’universo di riferimento.

Nonostante il 51% degli intervistati abbia dichiarato di essere soddisfatto del proprio status, si riscontrano effetti negativi dovuti alla crisi internazionale.

Il 65% del campione ritiene che il tenore di vita sia peggiorato negli ultimi due anni e per l’anno 2008 due terzi degli italiani hanno sperimentato disagi e difficoltà non tanto distante dalla situazione registrata nel 2007. Ciò che sembra essere rilevante è l’aumento (2%) del numero di coloro che si è visto costretto a diminuire i consumi in quanto è passato da una situazione di povertà ad una di gravità. (generalmente sono i pensionati in difficoltà grave, circa uno su quattro). E’ da sottolineare che gli italiani in maggiore difficoltà dichiarano una riduzione sensibile di tutti i propri consumi, ed anche coloro che sperimentano difficoltà più lievi, o non le sperimentano affatto, si ritengono più accorti negli acquisti rispetto al passato.

Previsioni future

Per quanto riguarda la propria situazione personale, il pensiero positivo prevale su quello negativo rispettivamente con il 28% di ottimisti contro 21% di pessimisti ma se si chiede com’è vista la situazione dell’economia italiana ed europea allora il pessimismi supera l’ottimismo.

Sul fronte risparmio, i dati rilevati nel 2008 non si discostano molto da quelli del 2007: infatti il numero di coloro che riescono a risparmiare e di coloro che invece hanno terminato tutto il reddito rimane in generale costante come pure il numero di coloro che spendono più di quanto guadagnano.

Più precisamente: 34% è il numero che riesce a risparmiare, 38% sono coloro che consumano tutto il reddito e 27% è il numero di coloro che consuma più di quanto guadagna.

Nonostante molti Italiani in questi ultimi dodici mesi non abbiano risparmiato, e non ritengano di riuscire a farlo neanche nei prossimi, la propensione al risparmio degli Italiani rimane molto elevata. L’87% vorrebbe risparmiare: il 42% non vive tranquillo senza risparmi, mentre il 45% vorrebbe risparmiare ma senza eccessive rinunce. Solamente 1 Italiano su 10 preferisce godersi la vita, piuttosto che mettere da parte risorse per il futuro.

Ma c’è ancora voglia di investire?

Nonostante la crisi abbia colpito duro le famiglie, il mattone rimane ancora l’investimento ideale, quello su cui puntare. Infatti, sempre secondo la ricerca, è l’investimento preferito dal 56% del campione intervistato. Il 17% si terrebbe lontano da qualsiasi forma di investimento, mentre il 24% preferisce gli strumenti finanziari come forma sicura di investimento. E’ da notare che il 7%di coloro che hanno effettivamente risparmiato è ancora orientato sugli strumenti amaggiore rischio.


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.