Crescita del Paese lenta: il Sud soffre di più

Meno 40 euro in meno al mese di spesa per le famiglie.



FTAOnline News, Milano, 03 Mar 2010 - 11:33

Uno studio condotto da Censis e Confcommercio ha messo in luce che per il 2010 sette famiglie su 10 non aumenteranno le proprie spese per i consumi, mentre l’8,4% le diminuirà rispetto al 2009 e solo il 22,6% prevede di innalzarle.

I comportamenti di spesa della maggior parte delle 1.300 famiglie contattate a gennaio 2010 appaiono permeate, ancora all'inizio del nuovo anno, da un atteggiamento di cautela. Gli effetti della crisi economica stanno continuando a generare un senso di disorientamento e di prudenza, tali per cui si cerca di razionalizzare il budget famigliare e di rinunciare a spese superflue.

 

La crisi pare non essere passata e a rimetterci sono sempre le famiglie che devono stare attente a alle spese e ai loro consumi. Così, pare che rispetto al 2009 si sono persi circa 40 euro al mese a testa in termini di consumi effettivi e la crescita del Pil non è aumentata notevolmente: nel 2010, si attesterà a +0,9% (0,2 punti percentuali in meno rispetto alle ultime stime Isae e Governo) e nel 2011, crescerà appena dell'1% (contro l’1,4% stimato dall’Isae).

Per quanto riguarda la visione per il futuro, nei primi mesi del 2010 gli ottimisti sono scesi al 52,8%, contro il 56,85 di giugno 2009. In aumento i pessimisti al 34% contro il 32,7 di giugno scorso.

 

La crescita del Paese

In ogni caso la crescita del Pil si attesterà allo 0,9% nel 2010 e all’1% nel 2011, mentre la spesa delle famiglie italiane per i consumi registrerà nel 2010 una crescita dello 0,7% e nel 2011 dell’1,1%

Il direttore dell’Ufficio Studi di Confcommercio, Mario Bella, dichiara che la crisi è “verosimilmente alle spalle, ma proseguono le fibrillazioni lungo un sentiero di moderata crescita, aggravata dall’aumento della disoccupazione”. La fiducia è ferma e stenta la produzione industriale insieme all’export. Sul sito di Confcommercio si legge che dal lato dei consumi, non c'è tranquillità nella pianificazione degli acquisti e a fine 2011 Pil e consumi saranno ai livelli del 2000: rispetto ad un anno fa ogni italiano ha perso circa 40 euro al trimestre in termini di consumi effettivi.

Le cause e i timori

Per condurre lo studio sono state intervistate circa 1.300 famiglie: il 41,6% degli intervistati dichiara che la crescita lenta del Paese è da attribuire alla disoccupazione mentre un 39,7% attribuisce la colpa alla politica italiana troppo litigiosa. Il 27,7% invece dichiara che la lenta ripersa economica del paese è dovuta alle tasse troppo alte.

 

Le famiglie più a disagio

Dai dati emerge che i più ottimisti sono i giovani e le famiglie con reddito elevato; la quota di ottimisti scende invece tra chi guadagna non più di 1.000 euro al mese E’ il Sud la parte d’Italia che maggiorante soffre di questa condizione di disagio: il 23,7% delle famiglie residenti nel Meridione ha dovuto dire di no a beni essenziali e sono state proprio le famiglie che guadagnano meno di 1000 euro al mese e quelle che hanno il capofamiglia disoccupato (34% nel primo caso e 32,4% nel secondo).

 

 

 

 

 

 

 


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.