Cresce l'Inflazione sui prodotti della dieta Mediterranea

La diminuzione dei consumi è dovuta ai rincari dei prezzi degli alimenti : l’Istat fa sapere che per la spesa di tutti i giorni l’inflazione è salita del +4,8%



22 Apr 2008 - 10:31

Per gli italiani mangiare sano è davvero diventato costoso e la dieta mediterranea non è la più conveniente.

La diminuzione dei consumi è dovuta ai rincari dei prezzi degli alimenti : l’Istat fa sapere che per la spesa di tutti i giorni l’inflazione è salita del +4,8%. Dal 2002, rileva l’Istituto nazionale di statistica nazionale, il tasso di crescita dell'inflazione relativa ai beni ad alta frequenza d'acquisto è stato «sistematicamente più alto» rispetto al tasso complessivo. Il 4,8% di aumento registrato a gennaio è peraltro il più alto degli ultimi 11 anni.

Secondo i dati forniti da una ricerca condotta dalla Cia (Confederazione italiana agricoltori), la tavola degli italiani è sempre più povera e sono diminuiti i prodotti tipici della dieta mediterranea. Mangiare sano costa e le famiglie italiane si sono viste costrette a rinunciare a qualche spesa alimentare con un conseguente crollo dei consumi dei prodotti tipici della dieta mediterranea, dovuto ad un aumento dei prezzi nel 2007 rispetto al 2006: il pane ha registrato un calo nel consumo del 7,3% dovuto ad un aumento del prezzo del 12,3% rispetto al 2006, quello della pasta del 4,5% con un aumento del 8,4%, la frutta del 2,8% con un aumento del prezzo del 5,6%, mentre la verdura del 3,2% con un aumento del prezzo del 6,8%. Aumentano un po’ tutti i generi alimentari compresi la carne di pollo (+6,2%), le uova (+5,3%), lo yogurt (+4,2%), l’acqua (+1%) e l’olio extravergine.

In arrivo però ci sono una serie di iniziative per contenere i prezzi. A Milano, ad esempio, il Comune, insieme all’Unione e alla Camera di Commercio, ha deciso di pubblicare una guida ai consumi alimentari con consigli utili su come acquistare risparmiando. Si chiama “Settimana della convenienza” (l’ultima del mese) ed è una sorta di bollettino dei prezzi pubblicato sul sito del comune.

Accanto all’iniziativa meneghina c’è un’altra proposta interessante: la Guida alla cucina economica e sana. Si tratta di un opuscolo, adottato da tutti i negozianti che aderiscono alla campagna “Attenti al prezzo” e suggerisce tagli di carne ad alto valore nutritivo ma meno pregiati, frutta e verdura di stagione e ricette tradizionali.

Inoltre, sempre nel capoluogo lombardo, registriamo un pacchetto di promozioni a favore degli anziani: Atm, l’azienda dei trasporti pubblici, si incaricherà di andarli a prendere e li accompagnerà nei mercati comunali ove potranno fare la spesa con a disposizione più di 50 prodotti scontati dal 20 al 40% riconoscibili tra i banchi grazie a un cartellino raffigurante il logo del Comune.

Un accordo con i produttori diretti, inoltre, prevede acquisti a prezzi "favorevoli" da parte degli over 60 anche in otto cascine.


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.