Caro benzina, corsa senza fine

Al distributore se ne vanno 49 giorni di spesa alimentare



FTAOnline, Milano, 03 Set 2012 - 18:18

Non si arresta la corsa del prezzo del carburante, pesando in maniera sempre più evidente sulle tasche dei consumatori. Secondo le associazioni di consumatori, l'agosto 2012 rimarrà scolpito nella memoria degli automobilisti per lungo tempo.

Un anno costato più di 768 euro

Secondo i dati raccolti dall'Osservatorio Nazionale di Federconsumatori, alla pompa di benzina, dall'agosto 2011 le spese per gli automobilisti sono lievitate di 35 centesimi al litro, per un importo complessivo su scala annuale di circa 768 euro.

In poche parole, secondo l'associazione dei consumatori, gli italiani hanno bruciato per effetto del caro-carburante quanto solitamente spende una famiglia media per 49 giorni di spesa alimentare.

Effetto diretto e indiretto

Il caro-carburante ha avuto ripercussioni dirette e indirette sulle finanze delle famiglie italiane. In particolare, sui 768 euro annui di maggiori spese, 420 euro riguardano direttamente i pieni di carburante, mentre 348 euro competono il rincaro delle merci dovuto all'aumento dei costi di trasporto.


Secondo Federconsumatori, il dato più preoccupante sarebbe proprio quest'ultimo: stando alle previsioni, infatti, tale aumento si tradurrà in un appesantimento dell'1,1% del tasso di inflazione, a tutto vantaggio delle casse dello Stato e delle compagnie petrolifere.


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.