La bolletta dell’energia costa meno con il bonus

Un aiuto per le famiglie più bisognose: sconti sulla bolletta energetica



FTAOnline News, Milano, 16 Dic 2008 - 08:56

Sconti nella bolletta energetica per i più bisognosi. Anche quest’anno sono previste infatti delle riduzioni in bolletta per coloro che si trovano in una situazione di disagio economico.

Gli sconti previsti dalla Finanziaria 2006 per le famiglie disagiate potranno essere richiesti con i modelli pubblicati dall’Anci e dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas. Si stima che i potenziali beneficiari siano cinque milioni, compresi gli stranieri residenti. Il bonus sociale è cumulabile con le altre agevolazioni previste dal Governo per i cittadini in difficoltà economiche.

Il sistema entrerà a regime gradualmente e sarà pienamente operativo da gennaio 2009, ma il godimento del bonus può essere retroattivo anche per tutto il 2008. In questo caso, le richieste ai Comuni dovranno essere presentate entro il 31 marzo 2009.

Quanto vale il bonus?

Il nuovo regime di protezione sociale garantirà un risparmio del 20% circa sulle bollette dell’energia elettrica ai clienti domestici in disagio economico, ovvero alle famiglie residenti nel Comune che hanno un Isee (indicatore di situazione economica equivalente) di valore inferiore o uguale a 7.500 euro.

Il valore del “bonus” varierà in base al  numero dei componenti familiari:

  • per il 2008 sarà di 60 euro/anno per un nucleo familiare di 1-2 persone,
  • 78 euro/anno per 3-4 persone,
  • 135 euro/anno per un numero di persone superiore a 4.


A beneficiare dell’agevolazione saranno anche le famiglie presso cui vive una persona costretta a usare apparecchiature elettromedicali per restare in vita. In questo caso lo sconto in bolletta è di 150 euro all'anno. Inoltre i due bonus, per disagio economico e fisico, sono cumulabili.

Come si ottiene il bonus

Per poter beneficiare del bonus, bisogna presentare la domanda al proprio Comune di residenza. I comuni, una vota raccolti i dati per via telematica li trasmetteranno ai distributori di energia elettrica, che erogheranno il bonus direttamente in bolletta. Tutte le richieste dovranno essere trasmesse dai Comuni via web.

Per chiedere il bonus per il disagio economico, o per il disagio fisico, bisogna presentare al Comune dei modelli.

Cosa occorre

Per chiedere il bonus per il disagio economico, bisogna presentare al Comune:

  • Il modello per la richiesta del bonus relativo al disagio economico (modello A)
  • fotocopia dell’attestazione del valore Isee del proprio nucleo familiare (da richiedere al Comune, all’Inps o nei Caf)
  • fotocopia del documento di identità

Per chiedere il bonus per il disagio fisico, bisogna presentare al Comune:

  •  Il modello per la richiesta del bonus relativo al disagio fisico (modello B)
  •  la certificazione Asl o il modulo di autocertificazione della necessità di utilizzo di apparecchiature salvavita
  • fotocopia del documento di identità


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.