Bonus famiglia 2020: asilo nido, allattamento e bebè tutte le novità

La manovra economica introduce alcune novità e estende diverse coperture



FTA Online News, Milano, 19 Dic 2019 - 11:31

I bonus per la famiglia 2020 contenuti nella manovra finanziaria prevedono la rimodulazione di alcuni bonus e l’introduzione di altri in attesa nel 2021 del Fondo Assegno Universale che dovrebbe accorparli tutti. Andiamo a scoprire quali sono e le relative coperture.

Bonus bebè 2020: cosa prevede e requisiti

La Legge di Bilancio 2020 elimina il limite di reddito dei 25.000 euro per l’accesso al bonus bebè.
Con l’arrivo del nuovo anno, potranno quindi richiederlo tutte le famiglie con figli nati o adottati nel corso dell’anno ma a cambiare saranno gli importi erogati:

  • assegno annuale di 1.920 euro per le famiglie con Isee minorenni non superiore a 7.000 euro;

  • assegno annuale di 1.440 euro per le famiglie con Isee minorenni superiore alla soglia di 7.000 euro e non superiore a 40.000 euro;

  • assegno annuale di 960 euro per le famiglie con un Isee minorenni superiore a 40.000 euro.

Nel caso di un figlio successivo al primo nato o adottato nel corso del 2020 l’importo dell’assegno aumenterà del 20%.

Bonus asilo nido 2020: cosa prevedono le revisioni e le correzioni

Per quanto riguarda il bonus asilo passerà, nel corso del 2020, da 1.500 euro a 3.000 e sarà disponibile per le famiglie con un Isee fino a 25.000 euro. Per chi invece avrà un Isee superiore ai 25.000 euro e fino a 40.000 sarà invece pari a 2.500 euro. Alle famiglie con un reddito superiore verrà corrisposto un contributo fino ad un massimo di 1.500 euro.

Bonus allattamento: stanziamento e rinnovo

La novità per il Bonus allattamento è l’attivazione di un Fondo per l’erogazione di un contributo di 400 euro all’anno per l’acquisto del latte in polvere in sostituzione di quello materno.
Sarà previsto uno stanziamento, a copertura del provvedimento, di 2 milioni di euro per il 2020 e di 5 milioni a partire dal 2021.
Il Bonus potrà essere fruito fino al sesto mese di vita del neonato mentre sarà un apposito Decreto del Ministero della Salute a stabilire quali requisiti economici faranno da discriminante per l’accesso e per quali patologie.

Articoli correlati

Bonus bebè 2019: l’aumento scatta solo a condizioni precise


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.