Sofferenze bancarie: è record

Prestiti inesigibili a imprese cresciuti del 24% rispetto al 2013



FTAOnline, Milano, 28 Lug 2014 - 14:46

Nel nostro Paese, i prestiti divengono sempre più rischiosi: nel maggio scorso, infatti, le sofferenze bancarie hanno toccato il nuovo record di sempre, peggiorando il dato di aprile e facendo segnare un aumento addirittura pari al 24% su base annua (secondo i dati del rapporto mensile dell’Abi).

Il buco nero dei prestiti inesigibili si allarga ancora

Con i 168,6 miliardi di euro fatti segnare alla fine dello scorso maggio, le sofferenze bancarie in Italia hanno segnato un nuovo record, in crescita rispetto ai 166,5 miliardi di euro di fine aprile e addirittura 32,9 miliardi di euro in più rispetto a maggio 2013 (pari al +24% annuo). I dati raccolti dall’Abi indicano come le sofferenze lorde sugli impieghi siano salite  all’8,9% a maggio due punti percentuali in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Dividendo per settori, tale indice ha raggiunto un picco del 15,1% per i piccoli operatori economici, il 14,5% per le imprese, mentre per le famiglie è al 6,6%.


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.