Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
Lavoro

Lavoro: record di disoccupati in Italia


Il numero di disoccupati, pari a 2 milioni 870mila, aumenta del 3,3% rispetto a settembre.


FTAOnline, Milano 30 Nov 2012 - 12:02

Sono stati resi noti i dati Istat riguardo la disoccupazione e lo scenario che si presenta è totalmente nero: il numero dei senza lavoro ha raggiunto la soglia record di quasi 2,9 milioni di individui (2milioni 870mila, per la precisione). Il numero dei disoccupati aumenta del 3,3% rispetto a settembre (+93 mila unità). Su base annua si registra una crescita del 28,9% (+644 mila unità). La crescita della disoccupazione riguarda sia la componente maschile sia quella femminile. Secondo l’istituto di ricerca questo è il dato più alto dal gennaio 2004 (serie storiche mensili). Guardando alle serie trimestrali è il maggiore dal primo trimestre 1999.

Non va meglio per i giovani (15-24 anni), per i quali il tasso di disoccupazione, ad ottobre, ha raggiunto il 36,5%, il livello più alto dall'inizio delle serie mensili, in aumento di 0,6 punti percentuali rispetto al mese precedente e di 5,8 punti nel confronto tendenziale. Si tratta di un livello record. In questa fascia d’età, le persone in cerca di lavoro sono 639 mila e rappresentano il 10,6% della popolazione.

E non finisce qui. Per quanto riguarda i precari, anche in questa fetta si registra un livello record: sono quasi tre milioni (2milioni 877mila) i lavoratori precari nel terzo trimestre del 2012. 2 milioni 447 mila a cui si aggiungono 430 mila collaboratori, sommando le due categorie si arriva, appunto a 2 milioni 877 mila lavoratori precari. Si tratta del livello più alto dal terzo trimestre del 2004.

Ultimo dato è quello relativo al lavoro part time: si registra anche in questo campo un livello mai raggiusto prima. Infatti nel terzo trimestre 2012 i lavoratori che hanno lavorato part time hanno raggiunto la soglia dei 3 milioni 847mila unità anche se va detto che per oltre la metà dei lavoratori, il 53%, il part time è involontario.


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.