Lotteria degli scontrini 2021: l'Agenzia delle Entrate mette i paletti

Le nuove FAQ dell’Agenzia delle Entrate precisano quali spese non sono comprese nel piano



FTA Online News, Milano, 01 Mar 2021 - 11:06

La lotteria degli scontrini è operativa da Febbraio e prevede premi sia per gli esercenti che per i consumatori ma con precise limitazioni riguardo alla tipologia di acquisti che danno diritto a partecipare all’estrazione. Vediamo quali sono.

 

Lotteria degli scontrini 2021: non tutti gli scontrini sono validi

La lotteria degli scontrini è iniziata ufficialmente con l’inizio del mese di febbraio e ha come obiettivo quello di incentivare i consumatori a scegliere mezzi di pagamento tracciabili con la possibilità di vincere premi in denaro.

Potranno partecipare, tramite la comunica del proprio codice lotteria all’esercente, tutte le persone fisiche che acquisteranno beni e servizi di beni e servizi di importo superiore a un euro ovviamente al di fuori dell’esercizio della propria attività professionale, artistica o professionale.

Non tutti gli acquisti però danno diritto a partecipare all’estrazione come ha chiarito recentemente l’Agenzia delle Entrate tramite il suo sito nella apposita sezione delle Frequently Asked Questions (FAQ).

Sono esclusi infatti:

  • gli acquisti in contanti;
  • gli acquisti inferiori a un euro;
  • gli acquisti online;
  • gli acquisti destinati all’esercizio di attività di impresa, arte o professione;
  • gli acquisti completati con l’emissione di fattura elettronica (rientreranno in seguito);
  • gli acquisti effettuati tramite tessera sanitaria (solo in fase iniziale);
  • gli acquisti che darebbero diritto alla detrazione fiscale.


Entrando ancora di più nel dettaglio sono escluse le attività culturali (cinema, musei, teatri), le spese effettuate con i buoni pasto, le spese di spedizione per i pacchi postali, e il rifornimento di carburante.

 

Lotteria degli scontrini 2021: nessuna sanzione per gli esercenti

L’Agenzia delle entrate ha anche specificato che partecipazione alla lotteria non è obbligatoria né per gli esercenti né per i contribuenti ma l’adeguamento per i registratori di cassa, che devono essere muniti per la lettura del codice lotteria, costerà circa 300 euro: l’obbligatorietà dell’operazione slitta al 1º aprile 2021.

Non sono previste sanzioni a carico dei negozianti come era stato preventivato in una prima stesura del provvedimento (dai 100 ai 500 euro) ma potranno essere segnalati dal cliente qualora gli venga negata la possibilità di pagare con moneta elettronica e di vincere, di conseguenza, i premi a partire dal 1º Marzo 2021.

 

 

Articoli correlati

Scontrino elettronico 2020: si comincia il primo luglio

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.