Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Tasse: + 30 miliardi di euro in cinque anni

Oltre alle tasse locali aumenta in modo sensibile l’imposta sugli immobili



FTA Online News, Milano, 13 Dic 2016 - 16:32

Il pressing del fisco sugli italiani si fa sempre più soffocante grazie all’aumento generalizzato della tassazione sia locale e non mentre l’economia non cresce di pari passo.

Il peso del fisco condiziona consumi e investimenti

Gli italiani possono dirsi vessati da un fisco sempre più esigente.

Secondo quanto ha calcolato la Cgia di Mestre, tra tasse, imposte e tributi, i cittadini del Bel Paese hanno versato, a erario e enti locali, 30 miliardi di euro in più tra 2010 e 2015.

Nel dettaglio, considerando anche il "bonus Renzi", l’incremento di quelle confluite allo Stato centrale è stato del 6,3% (+22,3 miliardi) mentre le locali sono aumentate dell’8,1% (+7,8 miliardi di euro) a fronte, ricorda l’Associazione, di un Pil cresciuto, nel medesimo arco di tempo, del 2,4%.

Tra le diverse imposte quella che è cresciuta di più è quella sugli immobili: +120% rispetto al 2010 (+11,6 miliardi).

I dati, conclude la Cgia, testimoniano come il forte aumento delle tasse abbia condizionato negativamente consumi e investimenti.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.