Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Novembre sarà il mese delle tasse  

Tour de force fiscale in arrivo per imprese e dipendenti



FTAOnline, Milano, 04 Nov 2015 - 10:10

Tra novembre e dicembre affluirà nelle casse dell’erario una imponente flusso di denaro frutto di una pressione fiscale che ha raggiunto livelli preoccupanti secondo le rilevazioni della Cgia di Mestre.

Il livello delle tasse è da brivido

Novembre sarà un mese di fuoco, dal punto di vista fiscale, per lavoratori dipendenti e imprese che tra acconti Irap, Irpef, Ires, addizionali Irpef e ritenute d’imposta, verseranno all’erario 53,5 miliardi di euro secondo i calcoli della Cgia di Mestre.

Nel dettaglio, l’Ufficio Studi della Cgia ha evidenziato come il gettito tributario supera ormai in Italia i 480 miliardi di euro all’anno.

Questo fiume di denaro affluirà nelle casse dello Stato attraverso precise scadenze fiscali che si concentreranno proprio tra novembre e dicembre.

L’imposta più gravosa da versare sarà l’Iva: autonomi e imprese verseranno 12,3 miliardi di euro e, allo stesso tempo, le società di capitali pagheranno l’acconto Ires che ammonterà a 11,8 miliardi.
Non andrà meglio ai lavotatori dipendenti che, attraverso i rispettivi datori di lavoro,"liquideranno" al fisco un importo di 10,4 miliardi di euro.

In più ci saranno l’acconto Irap che costerà alle imprese 8,4 miliardi di euro mentre l’acconto Irpef comporterà un esborso, per i lavoratori autonomi, di circa 8 miliardi di euro.

I dati condivisi dalla Cgia, dimostrano come la pressione fiscale e gli adempimenti burocratici (in Italia occorrono 34 giorni per pagare le imposte rispetto a una media europea di 20) hanno raggiunto un livello insopportabile per l’economia del nostro Paese.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.