Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
Fisco

Sconti fiscali: si accendono le proroghe


Bonus sociale contro il caro energia e proroga delle detrazioni Irpef sulle ristrutturazioni.


FTAOnline News, Milano 10 Ott 2008 - 09:39

Ad alleggerire il bilancio dei contribuenti italiani due novità in ambito fiscale: il prolungamento della proroga per le detrazioni irpef e il bonus sociale per contenere le spese energetiche a favore dei ceti con bassi redditi.

Detrazione irpef al 36%

Lo scorso 23 settembre il Consiglio dei Ministri ha approvato la proroga contenuta nel disegno di Legge della Finanziaria per il 2009 per la detrazione Irpef al 36% delle spese per le ristrutturazioni edilizie. La proroga sarà operativa fino alla fine del 2011.

Attualmente la detrazione del 36% delle spese sostenute per i lavori di recupero del patrimonio è prevista, fino ad un massimo di 48.000 euro per unità immobiliare.

Chi beneficia della detrazione

L’agevolazione si applica

  • alle spese sostenute dal 1º gennaio 2008 al 31 dicembre 2010
  • agli interventi eseguiti dal 1º gennaio 2008 al 31 dicembre 2010 dai soggetti che provvedano alla successiva alienazione o assegnazione dell’immobile entro il 30 giugno 2011.

Per quali interventi

Si tratta degli interventi di manutenzione straordinaria, di opere di restauro e risanamento conservativo e di lavori di ristrutturazione edilizia per i singoli appartamenti e per gli immobili condominiali. Gli interventi di manutenzione ordinaria sono ammessi all’agevolazione Irpef solo se riguardano determinate parti comuni di edifici residenziali.

Bonus sociale

L’Autorità per l’energia ha definito le modalità di applicazione del nuovo regime di protezione sociale che potrà garantire un risparmio del 20% circa sulle bollette dell’elettricità ai clienti domestici con più basso reddito. Il sistema, sarà operativo dal gennaio 2009 e prevede che il godimento del bonus possa essere anche retroattivo per tutto il 2008, per quelle richieste effettuate entro il 28 febbraio 2009.

Il Bonus

Il valore del bonus varia a seconda della numerosità dei nuclei familiari aventi diritto:

  • 60 euro/anno per un nucleo di 1-2 persone
  • 78 euro/anno per 3-4 persone,
  • 135 euro/anno per un numero di persone superiore a 4

Chi beneficia del bonus

Hanno diritto al bonus i consumatori che dispongano di un ISEE inferiore o uguale a 7500 euro. L’ISEE è l’indicatore di situazione economica equivalente, che permette di misurare la condizione economica delle famiglie, tenendo conto del reddito, del patrimonio mobiliare-immobiliare e delle caratteristiche di numerosità e tipologia.

A esempio, come informa l’Autorità, un nucleo familiare composto da padre, madre e due figli, monoreddito, in affitto e senza ulteriori disponibilità patrimoniali, rientra nella soglia ISEE di 7.500 euro con reddito annuo lordo fino a circa 23.400 euro.

Si stima che potranno beneficiare della compensazione sociale circa 5 milioni di clienti disagiati, ai quali saranno assegnati, nel complesso circa 384 milioni di euro l’anno.

 


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.