Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
Fisco

Per i rimborsi si aspettano anche 4 anni


Tempi biblici per chi aspetta il rimborso di tasse pagate in eccesso


FTAOnline, Milano 20 Feb 2012 - 14:43

L'inflessibilità che il Fisco mette in mostra quando è il contribuente a dovere saldare i conti non è la stessa con cui si regola quando è tempo di rimborsi. Secondo i calcoli della Cgia di Mestre, infatti, i rimborsi fiscali hanno tempi troppo lunghi e, nonostante un miglioramento mostrato di recente, sarebbe necessario velocizzarli in maniera ulteriore.

Efficienza fiscale in crescita, ma per i rimborsi si aspetta ancora troppo

L'economia italiana sta attraversando un momento critico. Se alla mancanza di liquidità che molte famiglie e imprese italiane stanno sperimentando si sommano, poi, le lentezze del sistema fiscale in tema di rimborsi, i problemi aumentano.

Secondo alcune rilevazioni svolte dalla Cgia di Mestre sulla base di dati forniti dall'Agenzia delle Entrate, perché l'Iva e l'Irpef pagata in eccesso da imprese e famiglie italiane tornino nelle tasche dei contribuenti passano mediamente 450 giorni. Tempi lunghissimi, se si considera che nel 2010 i rimborsi fiscali hanno raggiunto un valore complessivo pari a 17,8 miliardi di euro.

Se un anno e mezzo è il tempo che aziende e famiglie devono attendere mediamente per ottenere i rimborsi dal Fisco, si segnalano casi in cui i rimborsi per Iva, Irap e Irpef sono stati incassati anche dopo 4/5 anni.

Necessario snellire i tempi

Per evitare che lo Stato gravi sulle spalle dei contribuenti più di quanto già non faccia, sottolinea la Cgia, sarebbe necessario velocizzare i tempi in cui vengono effettuati i rimborsi fiscali, soprattutto considerando che già per quanto riguarda i pagamenti alle aziende la Pubblica amministrazione impiega in media 180 giorni.

Nel rapporto stilato dalla Cgia, tuttavia, non mancano gli sprazzi positivi: il segretario dell'organizzazione, Giuseppe Bortolussi, osserva che nel 2010 l’amministrazione finanziaria ha messo in campo efficaci misure di contrasto alle compensazioni indebite che hanno fatto risparmiare all’Erario circa 6,6 miliardi di euro, evidente sintomo di efficienza fiscale.

 


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.