Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
Fisco

Il fisco rinvia i rimborsi


Maggiori controlli sui contribuenti con familiari a carico o con vecchi crediti


FTAOnline,Milano 20 Giu 2014 - 14:47

In vacanza con i crediti d’imposta? Da quest’anno sarà impossibile. Per chi vanta crediti con il Fisco superiori ai 4 mila euro, infatti, è prevista una nuova procedura di controllo della dichiarazione che farà slittare il rimborso di qualche mese. La novità riguarderà chi ha diritto a rimborsi per familiari a carico o vecchi crediti in pendenza, mentre per i single non ci sarà alcun rinvio.

Cosa cambia
Nel dettaglio, il nuovo sistema di controllo – finalizzato a contrastare il fenomeno dei rimborsi illeciti – comporterà una più attenta verifica del 730 di quei contribuenti, dipendenti e pensionati, che si trovano o in superamento della soglia per detrazioni dovute per familiari a carico o in presenza di crediti d’imposta superiori alla soglia prevista che è stata fissata in 4.000 euro.

La nuova verifica ad hoc – che dovrà essere svolta in tempo per consentire l’erogazione del rimborso entro la fine dell’anno – si concluderà, se con esito positivo, con il versamento dell’importo dovuto al contribuente direttamente dall’Agenzia delle Entrate, anziché dal sostituto d’imposta o dall’ente pensionistico.

Chi riguarda
Secondo i numeri elaborati dal Ministero dell’Economia sulla base dei dati relativi alle dichiarazioni 730 riferite ai redditi 2012, se applicata già l’anno scorso la nuova procedura avrebbe riguardato una fascia assai ristretta dell’intero universo dei contribuenti italiani: poco più dell’1% del campione totale, pari a circa 350 mila dichiarazioni.

Probabile che, quest’anno, stanti le detrazioni fiscali dovute alle norme sul risparmio energetico e il bonus mobili per le ristrutturazioni, la platea di contribuenti interessati si ampli sensibilmente.

 


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.