Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
Fisco

Detrazioni Iva sui cellulari aziendali


Si potrà dedurre l’IVA fino al 100% sulle spese di telefonia mobile


14 Mar 2008 - 10:39

Alcune novità per il 2008

Si tratta di una novità di particolare interesse per le aziende, quella introdotta dalla finanziaria 2008 a partire dal 1° gennaio, grazie alla quale si potrà dedurre l’IVA fino al 100% sulle spese di telefonia mobile.

L’imposta sul valore aggiunto per l’acquisto, il noleggio, i contratti di locazione finanziaria e gli oneri relativi all’uso dei telefoni cellulari, è infatti detraibile al 100%, fermo restando il principio dell’inerenza ovvero dell’utilizzo effettivo nell’esercizio dell’arte, impresa o professione.

Si abbandona la detrazione forfetaria al 50% in vigore durante il 2007, ritenuta illegittima dalla stessa Commissione Europea che, tramite una lettera indirizzata al Ministro degli Affari Esteri, aveva messo in mora l'Italia.

La detrazione

Vale per le spese di traffico telefonico realizzate nell’esercizio della propria attività. Si possono detrarre le spese, stando alle novità normative, anche in caso di uso promiscuo del bene, purché i costi siano ascrivibili unicamente ad attività d’impresa o professionali. In questo caso infatti l’imposta per l’acquisto dell’apparecchio e dei canoni sarà immediatamente detraibile al 100%.
Si applicherà invece il consueto regime Iva nel caso di utilizzo personale o familiare del titolare dell’attività o dei suoi dipendenti.

Come si distingue l’uso personale da quello professionale?

Due le strade percorribili per differenziare l’Iva dovuta in base alla tipologia di utilizzo del servizio telefonico:

  • limitare da subito la detrazione proporzionalmente all’utilizzo dei servizi per fini imprenditoriali
  • detrarre interamente l’Iva e sottoporre a tassazione in un secondo momento l’uso personale

Le opzioni rese possibili si rifanno alla giurisprudenza europea che stabilisce i seguenti possibili comportamenti fiscali in merito a beni e/o servizi aziendali e personali:

  • possibilità di inserire il bene nel patrimonio aziendale
  • possibilità di ascrivere interamente il bene al proprio patrimonio personale
  • possibilità di inserirlo nella propria impresa solo a concorrenza dell’impiego professionale effettivo.

Difficoltà

E’ certamente difficile calcolare in bolletta il traffico realizzato a titolo personale da quello totalizzato a fine imprenditoriale, a meno di non utilizzare particolari prodotti con numerazioni differenziate. Il rischio di controlli si accentua però per le detrazioni Iva oltre il 50%, per cui sarà richiesta un accurato dettaglio sul traffico realizzato.

 


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.