Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
Fisco

Le novità dell'Imu


Con la nuova imposta, le famiglie con figli risparmiano rispetto ai tempi dell'Ici


FTAOnline, Milano 12 Mar 2012 - 09:55

Oltre al ritorno della tassazione sulla prima casa, cosa cambierà realmente per gli italiani con il passaggio dall'Ici all'Imu? La Cgia di Mestre ha voluto vedere chiaro nella faccenda e ha stimato che, se per i residenti nel 33% dei comuni capoluogo la nuova imposta sarà più severa della vecchia Ici, per i nuclei familiari in cui sono presenti uno o più figli la tassazione sarà generalmente più leggera.

Gli italiani rimpiangeranno la vecchia Ici

La Cgia ha condotto la sua analisi mettendo a confronto il sistema di aliquote e detrazioni che era in vigore con l'Ici e quello che sarà introdotto con l'Imu e ipotizzando che in tutti i comuni capoluogo venga applicata l'aliquota ordinaria del 4 per mille. Il raffronto si è concentrato su due situazioni tipo: il caso di una famiglia senza figli a carico, il caso di una famiglia con figli a carico.

L'analisi ha portato cattive notizie per i proprietari di casa residenti a Roma, Bologna e Bari, che rispettivamente pagheranno in media 397, 345 e 297 euro. Ci sono città, però, in cui l'Imu porterà qualche sorriso: a Savona, Taranto e Varese, secondo i calcoli della Cgia, i proprietari di casa senza figli a carico pagheranno rispettivamente 134, 133 e 101 euro in meno.

In linea di massima, l'Imu porterà rincari rispetto all'Ici nel 33% dei comuni capoluogo, con rincari più marcati a Bari (+70 euro), Roma (+71 euro), Lecce (+72 euro) e Venezia (+78 euro).

In linea generale, l'Imu porta vantaggi per i proprietari di case con figli a carico: saranno solo 8 i comuni capoluogo in cui i residenti in questa condizione pagheranno più con l'Imu di quanto non facessero con l'Ici. Se si ha più di un figlio a carico, approfondisce l'analisi la Cgia, l'Imu si rivelerà più tenera dell'Ici in tutte le città.

Lo studio della Cgia fissa il punto di non ritorno: quando la rendita catastale di un'abitazione principale supera i 620 euro, l'Imu diventa più 'pesante' rispetto all'Ici.

 


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.