Fisco d’Italia

Meno di 150mila persone, in Italia, nel 2008 hanno dichiarato più di 150mila euro. Dati veridici o l’evasione è ancora troppo elevata?



01 Feb 2010 - 10:22

Parafrasando Amleto, ci si potrebbe chiedere se non ci sia del marcio in Italia. Guardando le cifre che descrivono la situazione dei redditi degli italiani, i sospetti che nel nostro Paese non tutto giri nel modo giusto non possono fare a meno di alimentarsi.

Un Paese di pochi ricchi

L’Agenzia delle Entrate, analizzando i dati relativi alle dichiarazioni dei redditi 2008, ha reso noto che solo 3 contribuenti su 1000 dichiarano di guadagnare più di 150mila euro l’anno. Si tratta di una porzione infinitesima della popolazione complessiva (solo 149mila persona, appena lo 0,3% degli italiani).

Dipendenti e pensionati sono i più benestanti?

I dubbi circa la veridicità delle dichiarazioni dei redditi si infittiscono quando si passa a considerare chi sono i ricchi della situazione: secondo i dati, infatti, a guadagnare più di 150mila euro l’anno sono in prevalenza lavoratori dipendenti e pensionati. Nel 2008, al contrario, solo 20400 tra lavoratori autonomi e persone con redditi da terreni o fabbricati hanno dichiarato più di 150mila euro.

Cresce il reddito medio

Complessivamente, nel 2008, i contribuenti che hanno denunciato redditi da lavoro dipendente sono stati poco più di 21 milioni. Mediamente, in quell’anno, il reddito degli italiani è stato pari a 21660 euro (1850 euro al mese), l’1,25% in più rispetto al 2007, ma meno dell’inflazione, che nel 2008 è stata del 3,3%. Qualche sodo in meno lo hanno avuto a disposizione i pensionati: il loro reddito mediamente è stato pari a 17070 euro (1422 euro al mese).

C’è chi fa fatica

Pensionati e dipendenti, per la maggior parte, in Italia hanno un reddito compreso tra i 10 e 50mila euro, ma non è insignificante la quota di quanti devono fare i conti con finanze particolarmente risicate. Nel 2008, infatti, circa 5,2 milioni di lavoratori dipendenti ha dichiarato un reddito inferiore a 10mila euro; mentre tra i pensionati, quelli che hanno avuto a disposizione meno di 10mila euro sono stati ben 5,7 milioni.

L’Italia degli autonomi e dei professionisti

Un discorso a parte andrebbe fatto per autonomi e professionisti. Nel biennio 2007 e 2008, secondo l’Agenzia delle Entrate, i redditi dei professionisti sono cresciuti del 3,3%. A soffrire, a quanto pare, sono stati invece artigiani e commercianti, che hanno dichiarato un reddito medio di 17977 euro, pari a 1.498 euro al mese, appena sopra quello dei pensionati, e solo lo 0,65% in più di quanto dichiarato nel 2007.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.