Lo Stato tassa il conto corrente

Spunta un nuovo balzello proporzionale al denaro versato in banca



FTAOnline, Milano, 18 Feb 2015 - 17:49

La tassa sul contante versato in banca, lo scontrino e la fattura digitale sono le prossime novità inserite, in chiave lotta all’evasione fiscale, nel prossimo decreto che verrà presentato e adottato nel prossimo Consiglio dei Ministri.

La riforma fiscale e la lotta anti evasione

La riforma fiscale annunciata a più riprese dal Governo avrà come perno misure anti evasione che riguarderanno soprattutto commercianti e professionisti.
In questa ottica rientra la nuova tassa sui versamenti in banca dei contanti ovvero di una vera e propria imposta di bollo proporzionale ai versamenti giornalieri in banca superiore ai 200 euro.
Tra le altre misure previste dal nuovo decreto troviamo l’obbligo per i commercianti, artigiani e professionisti di dotarsi di strumenti che consentano la fatturazione elettronica e il superamento graduale degli scontrini fiscali.
Entro il 2017 è previsto l’obbligo della memorizzazione e della trasmissione telematica al fisco di tutti i corrispettivi giornalieri.
L’obiettivo di fondo è quello di portare verso una progressiva riduzione dell’utilizzo del contante che tuttavia comporterà nuovi costi e un’ulteriore aumento della pressione fiscale a carico proprio di commercianti e professionisti e che potrebbe rivelarsi un boomerang.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.