Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
Fisco

Il Fisco dai tempi certi


L’Agenzia delle Entrate chiarisce tempi e modi dei rimborsi fiscali


FTAOnline News, Milano 04 Nov 2010 - 12:39

L’Agenzia delle Entrate mette il Fisco con le spalle al muro e, con la circolare n.49/E dell’1 ottobre scorso, chiarisce modalità e princìpi cui l’amministrazione finanziaria deve necessariamente attenersi in tema di esecuzione delle sentenze emesse dalle commissioni tributarie. Basta tempi lunghi, in alcuni casi – sia essa favorevole o sfavorevole al Fisco – la sentenza deve essere eseguita in tempi certi.

 

Princìpi cui attenersi e da rispettare

Con il suo intervento, l’Agenzia delle Entrate chiarisce che l’esecuzione delle sentenze deve garantire la certezza e l’effettività dell’obbligazione tributaria (in altri termini, ad affermare il principio che le tasse sono un dovere civico) quanto l’integrità patrimoniale del contribuente. Custodi e alfieri di tali princìpi, gli uffici tributari hanno dunque l’obbligo di dare esecuzione alle sentenze, senza considerare se queste siano a favore o contrarie all’Amministrazione finanziaria.

 

I tempi dei rimborsi

Proprio come è chiamata a provvedere al recupero delle somme per le pendenze tributarie dei contribuenti, l’Amministrazione deve provvedere in tempi ragionevoli ai rimborsi che spettano quest’ultimi.

Secondo le indicazioni contenuti nella circolare n.49/E, per quanto riguarda i rimborsi fiscali è necessario che gli Uffici tributari si attengano a quanto predisposto dagli articoli 68 e 69 del D. Lgs. 546/1992.

In particolare, l’articolo 68 – che si applica a controversie aventi a oggetto avvisi di accertamento, avvisi di liquidazione, provvedimenti che irrogano sanzioni e iscrizioni a ruolo – statuisce che per dare esecuzione ai provvedimenti giudiziari non sia necessario attendere la notifica della sentenza favorevole al contribuente, né alcuna specifica richiesta o sollecito. In questo caso, dunque, le somme versate in eccesso devono essere restituite entro novanta giorni dalla comunicazione del dispositivo della sentenza da parte della Segreteria della Commissione tributaria all’ufficio (ciò è riferito alle sentenze delle Commissioni tributarie provinciali, ma – ragionevolmente – può essere esteso anche alle Commissioni regionali e alla Commissione tributaria centrale).

Nei casi di giudizi concernenti il diniego espresso o tacito alla restituzione di tributi e relativi accessori, pagati spontaneamente, ossia non in conseguenza della notifica di atti autonomamente impugnabili, vale invece quanto prescritto dall’articolo 69. In questi casi, contrariamente a quanto visto precedentemente, l’Amministrazione è tenuta a effettuare il rimborso solo in esecuzione di sentenze passate in giudicato.

 

 


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.