Il Fisco dai tempi certi

L’Agenzia delle Entrate chiarisce tempi e modi dei rimborsi fiscali



FTAOnline News, Milano, 04 Nov 2010 - 12:39

L’Agenzia delle Entrate mette il Fisco con le spalle al muro e, con la circolare n.49/E dell’1 ottobre scorso, chiarisce modalità e princìpi cui l’amministrazione finanziaria deve necessariamente attenersi in tema di esecuzione delle sentenze emesse dalle commissioni tributarie. Basta tempi lunghi, in alcuni casi – sia essa favorevole o sfavorevole al Fisco – la sentenza deve essere eseguita in tempi certi.

 

Princìpi cui attenersi e da rispettare

Con il suo intervento, l’Agenzia delle Entrate chiarisce che l’esecuzione delle sentenze deve garantire la certezza e l’effettività dell’obbligazione tributaria (in altri termini, ad affermare il principio che le tasse sono un dovere civico) quanto l’integrità patrimoniale del contribuente. Custodi e alfieri di tali princìpi, gli uffici tributari hanno dunque l’obbligo di dare esecuzione alle sentenze, senza considerare se queste siano a favore o contrarie all’Amministrazione finanziaria.

 

I tempi dei rimborsi

Proprio come è chiamata a provvedere al recupero delle somme per le pendenze tributarie dei contribuenti, l’Amministrazione deve provvedere in tempi ragionevoli ai rimborsi che spettano quest’ultimi.

Secondo le indicazioni contenuti nella circolare n.49/E, per quanto riguarda i rimborsi fiscali è necessario che gli Uffici tributari si attengano a quanto predisposto dagli articoli 68 e 69 del D. Lgs. 546/1992.

In particolare, l’articolo 68 – che si applica a controversie aventi a oggetto avvisi di accertamento, avvisi di liquidazione, provvedimenti che irrogano sanzioni e iscrizioni a ruolo – statuisce che per dare esecuzione ai provvedimenti giudiziari non sia necessario attendere la notifica della sentenza favorevole al contribuente, né alcuna specifica richiesta o sollecito. In questo caso, dunque, le somme versate in eccesso devono essere restituite entro novanta giorni dalla comunicazione del dispositivo della sentenza da parte della Segreteria della Commissione tributaria all’ufficio (ciò è riferito alle sentenze delle Commissioni tributarie provinciali, ma – ragionevolmente – può essere esteso anche alle Commissioni regionali e alla Commissione tributaria centrale).

Nei casi di giudizi concernenti il diniego espresso o tacito alla restituzione di tributi e relativi accessori, pagati spontaneamente, ossia non in conseguenza della notifica di atti autonomamente impugnabili, vale invece quanto prescritto dall’articolo 69. In questi casi, contrariamente a quanto visto precedentemente, l’Amministrazione è tenuta a effettuare il rimborso solo in esecuzione di sentenze passate in giudicato.

 

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.