Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
Fisco

Le Detrazioni sugli Abbonamenti dei Mezzi Pubblici


Pubblicate dall’Agenzia delle Entrate con circolare n. 19/E le indicazioni operative su come ottenere la detrazione al 19% sugli abbonamenti per metropolitana e autobus.


08 Apr 2008 - 15:13

Pubblicate dall’Agenzia delle Entrate con circolare n. 19/E le indicazioni operative su come ottenere la detrazione al 19% sugli abbonamenti per metropolitana e autobus.

Il bonus fiscale varrà, con la prossima dichiarazione, per le spese di acquisto di abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico, locale, regionale e interregionale.

Importo detraibile

L’importo detraibile può raggiungere un massimo di 250 euro (garantendo una riduzione dell’imposta lorda fino a 47,50 euro), comprensivo sia delle spese effettuate per sé che per gli eventuali familiari a carico. La detrazione non spetta se le stesse spese sono deducibili dai singoli redditi (ad esempio reddito d’impresa o di lavoro autonomo) che concorrono a formare quello complessivo. Si possono detrarre naturalmente tutte le spese effettuate durante l’anno solare 2008.

Beneficiari

Per ottenere la detrazione basterà ricadere in una delle seguenti categorie:

  • lavoratori,
  • studenti,
  • pensionati,
  • tutti coloro che utilizzano quotidianamente il trasporto pubblico per i propri spostamenti.

Spese detraibili

Le spese detraibili potranno essere quelle relative ad abbonamenti a qualsiasi servizio di trasporto pubblico, indipendentemente dal mezzo utilizzato (bus, treni, eccetera) che sia organizzato con orari, percorsi, tariffe e frequenze stabilite. Il trasporto può svolgersi sia a livello locale, che all’interno di una singola regione che attraversare più regioni.

La circolare specifica cosa si intende per abbonamento: “titolo di trasporto che consenta al titolare autorizzato di poter effettuare un numero illimitato di viaggi, per più giorni, su un determinato percorso o sull’intera rete, in un periodo di tempo specificato”.

Documentazione necessaria

Le informazioni necessarie al momento della dichiarazione dei redditi dovranno essere le seguenti:

  • ditta, denominazione o ragione sociale o nome e cognome della persona fisica ovvero il logos distintivo dell’impresa e numero di partita Iva del soggetto emittente il titolo di viaggio o che effettua la prestazione di trasporto;
  • descrizione delle caratteristiche del trasporto
  • ammontare dei corrispettivi dovuti
  • numero progressivo
  • data da apporre al momento dell’emissione o della utilizzazione.

Il titolo di viaggio deve contenere, inoltre, la durata dell’abbonamento, la spesa sostenuta e il nome del titolare. E’ necessario conservare anche la fattura (o altra documentazione) che attesti la data di pagamento. In caso contrario, vale, come indicazione del giorno in cui è stata sostenuta la spesa, la data di inizio di validità dell’abbonamento. Se il titolo di viaggio ha un formato elettronico (ad esempio, le tessere magnetiche) occorre disporre di una documentazione aggiuntiva contenente le informazioni necessarie sopra indicate.
Se il documento di trasporto, invece, non è nominativo, deve essere accompagnato da un’autocertificazione effettuata tramite dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, in cui si certifichi che l’abbonamento è stato acquistato per il contribuente o per un familiare a carico.

 


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.