Case fantasma: non si scherza più

Il Fisco ha terminato di pubblicare l’elenco degli immobili non dichiarati



FTAOnline News, Milano, 01 Ott 2010 - 17:37

Scovare le “case fantasma” in tutto il Paese e farle iscrivere nei registri catastali: questa era la missione che si era dato il Fisco. Il 30 settembre scorso, l’Agenzia del Territorio ha pubblicato in Gazzetta Ufficiale l’elenco riguardante i pochi comuni che ancora non erano stati ufficialmente monitorati.

 

I tempi stringono

Dopo la comparsa sulla Gazzetta Ufficiale dell’elenco relativo a quei centri per cui le precedenti rilevazioni non si erano rilevate efficaci per i più vari motivi (compreso il maltempo). Dopo che il Fisco ha rispettato i tempi che si era dato (proprio il 30 settembre scadeva il termine per l’identificazione delle “case fantasma”), la palla passa adesso ai proprietari degli immobili (sono state individuate circa 2 milioni di case non dichiarate).

 

Entro la fine dell’anno, i possessori degli stabili sconosciuti al catasto dovranno regolarizzarli. Sarà loro compito, in base a quanto previsto dall’articolo 19 del decreto 78/2010, presentare una dichiarazione di aggiornamento, attraverso la procedura Docfa, pagando i tributi speciali catastali.

 

A partire dal 2011

Con il primo giorno del prossimo anno, l’Agenzia del Territorio procederà all’attribuzione di una rendita presunta, con oneri e sanzioni a carico dei proprietari dei fabbricati per i quali non è stata predisposta la richiesta di regolarizzazione.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.