Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
Fisco

Caldaie ed infissi a base di risparmio energetico


Introdotta dalla Finanziaria 2007 e giunta al secondo anno di attuazione, la detrazione del 55% delle spese per la riqualificazione energetica degli immobili sembra aver raccolto un buon successo


FTAOnline News, Milano 12 Set 2008 - 10:25

Introdotta dalla Finanziaria 2007 e giunta al secondo anno di attuazione, la detrazione del 55% delle spese per la riqualificazione energetica degli immobili sembra aver raccolto un buon successo. Le domande di detrazione sugli interventi di riqualificazione energetica effettuati nel 2008, ricevute dall'Enea nei mesi di maggio, giugno e luglio, si attestano infatti a quota 32.700 e vedono una sostanziale conferma della tendenza registrata l'anno scorso.

 

Le richieste di detrazioni

Una classifica dominata dalle richieste di incentivo per finestre ed infissi (67% del totale) quella delle detrazioni al 55% lascia molto spazio anche all’installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda, con il 31 per cento. Per quanto riguarda gli interventi che richiedono una documentazione più complessa, in testa alla graduatoria stanno invece le caldaie, che quest'anno comprendono anche le pompe di calore ad alta efficienza e gli impianti geotermici a bassa "entalpia" (vale a dire i sistemi che ricavano energia dal sottosuolo). Al primo posto fra le Regioni, per numero di domande inviate, si conferma la Lombardia, seguita da Veneto, Emilia-Romagna, Piemonte e Lazio (che registra una ripresa rispetto al 2007).

 

I dati

Secondo i dati ENEA l'anno scorso le domande erano state 106.000, metà inviate tramite internet e metà tramite raccomandata, mentre quest'anno le pratiche si potranno svolgere solo online (dal sito «finanziaria2008.acs.enea.it»). Alla data del 29 febbraio scorso, termine ultimo per l'invio delle domande 2007, le operazioni più richieste per la detrazione erano state la coibentazione e l'installazione di finestre, insieme al 37%, seguite dalle caldaie a compensazione, con il 27%, e dai pannelli termici, al 19%. Il costo totale degli interventi, al netto delle spese, si è aggirato intorno al miliardo e mezzo di euro, mentre la ripartizione per Regione ha visto al primo posto la Lombardia, con il 18% delle domande, davanti a Veneto, Emilia-Romagna e Piemonte. In coda alcune regioni del Mezzogiorno come Calabria, Basilicata, Molise; ultima la Valle d'Aosta.

La geografia delle detrazioni

Alcune regioni si trovano nella parte bassa alla graduatoria solo in considerazione delle scarse dimensioni,: facendo una proporzione la Valle d'Aosta balza in testa, con 30 domande ogni 10.000 abitanti, seguita da Trentino-Alto Adige (26) e Friuli Venezia Giulia (25). All'ultimo posto, con molti abitanti e poche domande, la Sicilia. «Quella del Mezzogiorno - commenta l'ingegner Valentini - è una disattenzione che dovrebbe essere risolta. Noi, da parte nostra, siamo pronti a fare comunicazione e informazione ovunque si manifesti la necessità».

 


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.