Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
Fisco

Dove Destinare il 5 x Mille


L’Agenzia delle entrate dal 7 aprile pubblica sul proprio sito l'elenco provvisorio degli enti del volontariato


12 Mag 2008 - 09:38

Anche quest'anno, come di consueto, arriva il momento della dichiarazione dei redditi e si avvicina anche l’appuntamento con il 5 per mille. La Finanziaria 2008 ha riproposto la possibilità per i contribuenti di destinare una quota pari al 5 per mille dell’Irpef a finalità di interesse sociale. La scelta è nelle mani del contribuente.

Beneficiari

In queste settimane che precedono la fatidica scadenza annuale, siamo tempestati dalle più svariate forme di pubblicità, per mezzo delle quali ci viene richiesto di versare questa piccola quota aggiuntiva: onlus (associazioni senza scopo di lucro), associazioni religiose e di volontariato, istituti dedicati alla ricerca scientifica, alla sanità, associazioni di tutela e salvaguardia ambientale, e ancora a singole e specifiche parrocchie. L’Agenzia delle entrate dal 7 aprile pubblica sul proprio sito l’elenco provvisorio degli enti del volontariato.

Per l’anno finanziario 2008 i soggetti ammessi al beneficio sono:

a) Enti del volontariato:

  • ONLUS - Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale;
  • Associazioni di promozione sociale iscritte nei registri nazionale, regionali e provinciali;
  • Associazioni riconosciute che, senza finalità di lucro;
  • Fondazioni nazionali di carattere culturale;

b) Finanziamento agli enti della ricerca scientifica e dell’università;

c) Finanziamento agli enti della ricerca sanitaria;

d) Sostegno alle associazioni sportive dilettantistiche riconosciute dal CONI.

Come fare la scelta

Il contribuente può destinare la quota del 5 per mille della sua imposta sul reddito delle persone fisiche, relativa al periodo di imposta 2007 - spiega una nota dell’Agenzia delle Entrate - apponendo la firma in uno dei quattro appositi riquadri che figurano sui modelli di dichiarazione (Modello Unico PF, Modello 730, ovvero apposita scheda allegata al CUD per tutti coloro che sono dispensati dall’obbligo di redigere la dichiarazione) . È consentita una sola scelta di destinazione.
Oltre alla firma, il contribuente può altresì indicare il codice fiscale di un singolo soggetto cui intende destinare direttamente la quota del 5 per mille, traendo il corrispondente codice fiscale dagli elenchi pubblicati.  Attenzione, perché la scelta di destinazione del 5 per mille e quella dell’8 per mille non sono in alcun modo alternative fra loro.

 


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.