Detrazioni spese sanitarie 2020: slittano le nuove regole

Per avere diritto alla detrazione Irpef si dovrà pagare con strumenti tracciabili eccezion fatta per tre tipologie di spese sanitarie.



FTA Online News, Milano, 13 Feb 2020 - 16:24

Cambiano le regole per avere il diritto alla detrazione fiscale delle spese sanitarie come previsto dall’ultima Legge di bilancio entrata in vigore il primo gennaio e la cui applicazione viene spostata in avanti di tre mesi.
L’obbligo è stato esteso ad altre voci di spesa corrente per le famiglie.

 

Detrazioni spese sanitarie 2020: stop ai contanti ma a partire da aprile

Il capitolo detrazioni fiscali 2020 si amplia con nuovi elementi e correzioni dovute principalmente al Decreto milleproroghe che fissa, in deroga, nuovi paletti che saranno in approvazione definitiva il 18 febbraio. La nuova normativa stabilisce che, per avere diritto alla detrazione IRPEF del 19% delle spese mediche, in sede di dichiarazione dei redditi, sarà necessario pagare con strumenti tracciabili a partire da aprile.

Tali strumenti sono:

  • bancomat;

  • carta di credito;

  • carta prepagata;

  • assegno bancario o circolare;

  • bonifico bancario;

  • versamento postale

Il giro di vite all’utilizzo del contante concerne tutte le visite mediche in studi privati, oltre ad esami, ricoveri e interventi in strutture private non accreditate al Servizio Sanitario nazionale.

 

Detrazione spese sanitarie 2020: eccezioni e altre spese "tracciabili"

Non tutte le spese di natura sanitaria sono sottoposte alla nuova limitazione ma esistono tre eccezioni ben precise che sono, nel dettaglio:

  • acquisto di medicine o dispositivi medici;

  • pagamento di prestazioni sanitarie rese da strutture pubbliche;

  • pagamento di spese sanitarie rese da strutture private accreditate al servizio sanitario nazionale.

Sono sottoposte all’obbligo "tracciabile" non solo le spese sanitarie ma anche:

  • attività sportive di bambini e ragazzi;

  • abbonamenti a bus, metro e tram;

  • prestazioni veterinarie;

  • onoranze funebri;

  • affitti degli universitari;

  • parcelle ad agenti immobiliari;

  • restauro di beni vincolati;

  • strumenti per contrastare disturbi dell’apprendimento.

Appare chiaro, in definitiva, come il Governo stia incentivando il pagamento attraverso strumenti tracciabili al fine di potenziare la lotta all’evasione fiscale (e dell’Iva in particolare) semplificando il monitoraggio da parte del fisco.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.