Novamont: in Italia il primo impianto industriale di biobutandiolo

Investimenti da oltre 100 milioni di euro a Bottrighe (RO)



FTA Online News, Milano, 29 Set 2016 - 16:44

Il gruppo Novamont apre lo stabilimento Mater-Biotech di Bottrighe, in provincia di Rovigo, dedicato alla produzione di biobutandiolo (BDO). Sarà il primo impianto industriale al mondo di questo tipo e sono previsti investimenti da oltre 100 milioni di euro.

Il biobutandiolo è una versione biologica del butandiolo, un intermedio chimico derivante da fonti fossili molto usato come solvente o per la produzione di plastiche, fibre elastiche e poliuretani. Il mercato del butandiolo è di 1,5 milioni di tonnellate per circa 3,5 miliardi di euro all’anno; si stima però che nel 2020 possa raggiungere i 2,7 milioni di tonnellate con un valore di oltre 6,5 miliardi di euro.

Il nuovo impianto di Novamont sfrutta una innovativa tecnologia sviluppata da Genomatica (una società californiana di bioingegneria) che “partendo da zuccheri attraverso l’azione di batteri di tipo escherichia-coli opportunamente ingegnerizzati, li trasforma in biobutandiolo”. Il nuovo stabilimento di Bottrighe produrrà 30.000 tonnellate/anno di BDO a basso impatto, con un risparmio di oltre il 50% di emissioni di anidride carbonica.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.