Nuove regole Ue contro l’inquinamento atmosferico

Il Commissario Vella, è un killer invisibile che uccide più degli incidenti stradali



FTA Online News, Milano, 14 Dic 2016 - 17:07

Il Consiglio europeo e il Parlamento Ue hanno convertito in legge la proposta della Commissione sui limiti nazionali alle emissioni: la direttiva NEC (National Emissions Ceilings) punta a ridurre entro il 2030 di quasi il 50% gli impatti sulla salute derivanti dall’inquinamento atmosferico.
Le nuove regole entreranno in vigore in Europa dal prossimo 31 dicembre 2016, ma la direttiva dovrà essere ratificata dalle leggi nazionali entro il 30 giugno 2019 e generare un Programma di controllo nazionale dell’inquinamento.

L’obiettivo è quello impegnare gli Stati nel taglio delle emissioni con scadenze al 2020 e al 2030 per i sei maggiori inquinanti aerei. Tra 14 anni il diossido di zolfo dovrà essere ridotto del 79%, l’ammoniaca del 19%, i composti organici volatili non metanici (COVNM) dovranno calare del 40 per cento. Per gli ossidi di azoto è prevista una flessione del 63% e per il particolato fine (PM 2,5) una del 49 per cento.

Il commissario europeo all’ambiente, per gli affari marittimi e la pesca Karmenu Vella ha dichiarato: “Le nuove regole sulla qualità dell’aria in Europa sono un passo significativo nella lotta contro quel killer invisibile che è l’inquinamento atmosferico. Ogni anno muoiono in Europa più di 450 mila persone a causa dell’inquinamento dell’aria che uccide dunque oltre dieci volte di più degli incidenti stradali”.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.