Aviazione, intesa per ridurre le emissioni di CO2

FTA Online News, Milano, 11 Feb 2016 - 18:30

Un pool di 170 esperti internazionali dell’Icao, l’organizzazione internazionale dell’aviazione civile, ha raccomandato nuove misure per la riduzione delle emissioni di anidride carbonica da parte dei velivoli. Il prossimo passo sarà l’adozione dei provvedimenti da parte dell’Onu.

Il piano prevede che degli standard di emissione siano imposti ai nuovi aeroplani a partire dal 2020 e dal 2023 anche per le consegne di aerei in produzione. Posta una data limite per il rispetto delle nuove norme al 2028. I nuovi standard sono particolarmente stringenti per gli aeroplani di maggiori dimensioni: quelli sopra le 60 tonnellate coprono infatti oltre il 90% delle emissioni dell’intera industria aeronautica. Il settore punta comunque sull’innovazione tecnologica, che consentirà di abbattere l’impatto ambientale degli aerei.

Il presidente del Consiglio dell’Icao Olumuyiwa Benard Aliu ha commentato: "Il nostro settore pesa meno del 2% delle emissioni totali annuali di anidride carbonica, ma ammettiamo che l’obiettivo di raddoppiare voli e passeggeri entro il 2030 debba essere gestito in maniera responsabile e sostenibile".
Il commissario europeo ai Trasporti Violeta Bulc ha parlato di "passo importante" per ridurre le emissioni dell’aviazione e sottolineato che l’Unione Europea ha giocato un ruolo centrale nel raggiungimento di questo accordo.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.