Finanza Sostenibile, tracciate le linee guida europee

Nuovo rapporto europeo per una roadmap condivisa



FTA Online News, Milano, 02 Feb 2018 - 17:20

La Commissione Europea ha accolto con favore l’ultimo rapporto del Gruppo di esperti sulla finanza sostenibile in Europa (HLEG-High-Level Expert Group on Sustainable Finance) insediato alla fine del 2016, un anno dopo la sigla degli accordi sul clima di Parigi. I vicepresidenti della Commissione Valdis Dombrovskis e Jyrki Katainen hanno per l’occasione ribadito l’obiettivo di consolidare il sistema finanziario europeo rendendolo un polo di attrazione globale per gli investimenti nell’economia circolare, efficiente e a bassa impronta carbonica.

Il report del pool di esperti guidati da Christian Thimann ha tracciato così le linee guida per la finanza sostenibile del Vecchio Continente, giovandosi di un’elaborazione condivisa grazie all’apporto di un ampio numero di stakeholder, dagli asset manager e rappresentanti del mondo finanziario e delle organizzazioni internazionali, alla società civile e all’associazione Eurosif che promuove la sostenibilità tramite i mercati finanziari europei.

Lo studio punta così a creare una vera e propria roadmap della finanza sostenibile europea con delle raccomandazioni pratiche per i policy maker.

In particolare l’HLEG ha chiesto un solido sistema tecnico di classificazione europea di cosa sia “sostenibile”, una “tassonomia della sostenibilità” che potrà davvero portare la necessaria chiarezza sul mercato mobilitando i capitali finanziari su scala continentale. Proposto già da quest’anno l’insediamento di un gruppo di lavoro ad hoc.

Gli esperti UE hanno anche sottolineato la necessità di esplicitare, sotto questi profili, gli obblighi di investitori come fondi pensione e compagnie assicurative nei confronti delle istituzioni e degli individui a cui si rivolgono.

In un mercato come quello europeo in cui i risparmi delle famiglie coprono il 40% degli asset finanziari serviranno inoltre indicazioni che orientino gli investitori.
Gli analisti finanziari dovrebbero quindi inserire nei propri studi i temi degli impatti sulla sostenibilità e i fondi destinati al pubblico retail fornire informazioni su questi aspetti. La stessa Commissione Europea dovrebbe identificare delle denominazioni di sostenibilità preparando delle analisi di standard minimi per gli SRI (gli investimenti sostenibili e responsabili) e producendo delle “etichette verdi” (green label) che aiutino il pubblico.

Queste e altre iniziative potrebbero così liberare la finanza sostenibile europea da opacità e asimmetrie rendendola una forza realmente continentale capace di contribuire in maniera decisiva all’integrazione dei mercati finanziari.  

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.