Dow Jones Sustainability Index, ancora tante italiane nel gruppo

Dal paniere globale escono colossi come Intel, Samsung Electronics e British American Tobacco



FTA Online News, Milano, 08 Set 2016 - 18:10

Il nuovo aggiornamento dei Dow Jones Sustainability Index conferma diverse società italiane nelle liste delle imprese ritenute più sostenibili nel Mondo e in Europa.

Il paniere del Dow Jones Sustainability Europe Index accoglie Pirelli, Intesa Sanpaolo, Finmeccanica, Eni, Telecom Italia, Atlantia, Terna e l'anglo-olandese CNH Industrial NV, società dei trattori, delle macchine per le costruzioni e dei camion di casa Agnelli.

Il paniere globale del Dow Jones Sustainability World Index ospita Pirelli, Intesa Sanpaolo, UniCredit, Finmeccanica, Eni, Telecom Italia, Atlantia, Snam, Terna Rete Elettrica Nazionale ed Enel, oltre alla controllata spagnola di quest'ultima Endesa e a FCA e CNH Industrial.

Una nota che annuncia la revisione di questi indici di sostenibilità evidenzia anche le più importanti uscite e i maggiori ingressi nel paniere globale Dow Jones Sustainability World Index: entrano in lista Cisco Systems Inc, Royal Dutch Shell PLC, Adobe Systems Inc ed escono invece Intel Corp, Samsung Electronics Co Ltd, British American Tobacco PLC.

Il commento ai dati di quest'anno evidenzia che i punteggi più alti delle maggiori compagnie hanno riguardato i codici di condotta, la corporate governance e le politiche e i sistemi di gestione ambientale. I punteggi più bassi sono giunti nel campo delle eco-efficienza operativa, dello sviluppo del capitale umano e della "materialità" (un nuovo criterio introdotto quest'anno che punta a rendere sempre più "concreta" la reportistica di sostenibilità).

Si evidenzia la sorprendente sottostima dell'importanza dello "sviluppo del capitale umano" e la mancanza di capacità di collegare non solo qualitativamente, ma anche quantitativamente, gli investimenti nel capitale umano con benefici aziendali tangibili.
L'istanza che ha mostrato il maggior sviluppo è stata quella del senso di "appartenza aziendale e filantropia" (+22,09%).
La tematica meno sviluppata è stata quella degli indicatori sulle pratiche sul lavoro e i diritti umani (-34,82%), secondo gli analisti questo è dovuto all'introduzione di nuovi quesiti al riguardo e il contatto con le aziende avrebbe mostrato che questa tematica desta l'interesse delle imprese e la loro volontà di attuare politiche inerenti, ma si scontra con la mancanza a oggi di strumenti adatti a misurare, valutare, limitare e risolvere i rischi connessi alla sfera dei diritti umani.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.