Nasce l’Hydrogen Council, big a sostegno dei veicoli a idrogeno

All’iniziativa partecipano Toyota, BMW e Shell



FTA Online News, Milano, 19 Gen 2017 - 19:11

La gara verso l’auto del futuro tra veicoli a batteria elettrica (battery-electric vehicles BEV) e veicoli a idrogeno (fuel-cell vehicles FCV) ha registrato un’altra importante puntata. Al World Economic Forum di Davos è stato infatti lanciato l’‘Hydrogen Council’, la più importante iniziativa globale a favore dell’idrogeno come soluzione per la mobilità del futuro.

A sostegno della tecnologie delle celle a combustibile i colossi industriali Air Liquide, Alstom, Anglo American, BMW GROUP, Daimler, ENGIE, Honda, Hyundai Motor, Kawasaki, Royal Dutch Shell, The Linde Group, Total e Toyota. L’auto giapponese e una buona parte delle quattro ruote tedesche si affiancano dunque a compagnie come Shell, Total e Air Liquide, che sostengono questo fronte tecnologico alternativo all’auto a batterie elettriche.

I promotori dell’iniziativa hanno confermato il sostegno, con investimenti significativi, allo sviluppo e alla commercializzazione dell’idrogeno e al settore delle celle a combustibile. Questi investimenti attualmente sono stimati nell’ordine di 1,4 miliardi di euro all’anno.

Attualmente i veicoli a batteria godono di una maggiore offerta di modelli sul mercato, di bassi costi operativi e del vantaggio di una rete infrastrutturale relativamente economica. L’Hydrogen Council ha però messo in evidenza anche i vantaggi dell’idrogeno, come l’elevata autonomia (già oggi oltre i 500 chilometri) e la rapidità di ricarica (da 3 a 5 minuti). La maggiore capacità di immagazzinamento dell’energia rispetto alle batterie elettriche renderebbe inoltre più conveniente il rapporto tra il peso e costo dei motori FCV da un lato e l’ammontare di energia immagazzinata dall’altro. Particolari vantaggi sono previsti per i trasporti pesanti su lunghe percorrenze.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.