Notizie Teleborsa

Mercati, Europa nella morsa della BCE e del gas. Slitta a ottobre price cap

News Image (Teleborsa) - Come da attese, la Banca Centrale Europea ha optato per un aumento dei tassi di 75 punti base, spinta dalle sempre crescenti paure inflattive e supportata da un'economia che sembra sufficientemente resiliente, per il momento.

L'inflazione nell'Eurozona, infatti, continua a rimanere preoccupante (sopra le attese al 9.1% ad agosto), soprattutto dopo la decisione russa di tagliare la fornitura di gas, mentre gli ultimi dati sul PIL di settembre evidenziano una crescita aggregata annuale sorprendentemente positiva al 4.1%.

Tutto sommato - sottolinea Giorgio Broggi, Quantitative Analyst di Moneyfarm - nonostante le paure di recessione continuino ad aumentare, con la probabilità di recessione nei prossimi 12 mesi ora al 50% (fonte: Bloomberg), la BCE ha ribadito con forza la volontà di combattere l'inflazione ad ogni costo, per evitare danni maggiori nel medio-lungo termine.

I mercati hanno reagito moderatamente alla pubblicazione delle decisioni, mostrando quanto le attese fossero già sostanzialmente prezzate sia dai mercati degli asset rischiosi, sia sul lato monetario e valutario. Anche gli spread tra Paesi centrali e periferici non hanno mostrato nervosismo, segnalando che il rischio "frammentazione" rimane gestibile per il momento.Per Ben Laidler, global markets strategist di eToro, "la BCE è bloccata tra l'incudine e il martello, con un'inflazione elevata trainata dall'energia e una probabile recessione entro la fine dell'anno". La banca ha riflesso questa situazione nelle sue previsioni economiche significativamente riviste, aumentando l'inflazione del 2023 al 5,5% e riducendo la crescita del PIL allo 0,9%. Il crollo dell'euro ha tratto conforto dalla maggiore aggressività della BCE, riconquistando per ora la parità con il dollaro.

L'Eurotower ha avvisato inoltre che in caso di "scenario negativo", con una guerra protratta in Ucraina, persistenti tensioni geopolitiche e soprattutto una completa interruzione delle forniture di gas dalla Russia, l'economia dell'area euro il prossimo anno accusi una recessione dello 0,9%.

Oggi il prezzo del gas ha chiuso in rialzo alla piazza di Amsterdam del 3% circa a 220,54 euro al megawattora, riprendendosi dal tonfo che in mattinata l'aveva spinto fino a toccare un minimo di 192,92 euro. A spingere le quotazioni è stata la corsa della UE verso la fissazione di un tetto al prezzo del gas russo. A tal proposito, secondo fonti diplomatiche europee, la proposta di introdurre un tetto al prezzo del gas proveniente da gasdotto russo non verrà discussa domani dai ministri europei dell'Energia. I capi di Stato e di governo europei si riuniranno il 6 e 7 ottobre a Praga per un vertice informale e poi ancora il 20 e 21 ottobre a Bruxelles. Resta ora da definire in quale di queste riunioni verrà affrontato il tema del tetto al prezzo del gas.

(Teleborsa) 08-09-2022 18:54


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.